La copertina del New Yorker e gli occhiali di Joost Swarte

Recentemente è uscito il tradizionale “summer fiction issue” – un corposo numero estivo contenente vari racconti brevi – presenta in copertina una illustrazione del fumettista, architetto e designer olandese Joost Swarte.

2014_06_09_Swarte_Love_Stories_580

Intitolata “Love Stories”, l’illustrazione non è la sola opera a tema letterario realizzata di recente da Swarte, progettista anche di particolari “occhiali letterari”. Con l’intento di creare una montatura che “faccia vedere il mondo con più ironia”, l’artista ha infatti studiato il design di un paio di occhiali che “influenzassero il modo in cui guardiamo le cose”. Perciò, non essendoci in questo genere di oggetti molto spazio a disposizione per esprimere un concetto, ha sfruttato il piccolo angolo tra le lenti e le asticelle per inserire delle virgolette, nel posto spesso usato per i loghi dei marchi.

glasses-joost-swarte-580px

Come spiega lui stesso, “uno dei significati delle virgolette è che ciò che vi sta in mezzo, ciò che leggi tra le virgolette, è una citazione di qualcun altro. E se ciò che si vede negli occhiali fosse una citazione, allora potremmo davvero iniziare a vedere le cose da una prospettiva diversa. I miei occhiali, disegnati con linee pulite, hanno un nome: Quotation Marks. Sono stati realizzati così non solo pensando alla loro forma, ma anche per enfatizzare il contenuto”