Recensioni Novità Arrivederci, Punpun

Arrivederci, Punpun

Ho letto i 13 volumi che compongono Buonanotte, Punpun di Inio Asano uno dietro l’altro, nel giro di pochi giorni. Chi era in attesa dell’ultimo episodio mi diceva “auguri”. E chi mi vedeva rimandare appuntamenti, non rispondere al telefono, andare a dormire praticamente al mattino, a un certo punto mi chiedeva: “Come mai ti prende così tanto? Di che cosa parla?”

Era una bella domanda.

buonanotte punpun manga recensione

Punpun è un racconto di formazione. È la storia di un bambino che diventa un ragazzino, un ragazzino che diventa adolescente, un adolescente che, nonostante tutto, diventa adulto. E questo bambino, attorno sé, ha soltanto adulti che in realtà sono praticamente adolescenti. Sua madre è una donna drammatica, superficiale, che esige amore senza dare amore in cambio. Suo padre è inaffidabile, “un fallito”, è disoccupato ma non cerca lavoro, e se ne va di casa a seguito di un episodio di violenza coniugale. Infine c’è suo zio, un uomo depresso e pieno di rimpianti, che rovina sempre tutto.

Altre persone si succedono, nella vita di Punpun, come i compagni di classe, poi i datori di lavoro, i colleghi, ma nessuno è veramente rilevante, tranne due ragazze. Una è Aiko-chan, il suo primo amore, una bambina splendente perché infelice, proprio come lui. L’altra invece è Sachi, una ragazza irruenta, troppo diretta, che vuole “distruggere il mondo con i suoi manga”.

Punpun viene soffiato da una parte all’alta della vita, sospinto dalla forza di queste persone. Esce con loro, parla con loro, riesce a farsi amare da loro, eppure fatica a raggiungerli, non riesce a spiegarsi, a toccarli, si sente diverso.

E questo Asano ce lo mostra subito. Perché Punpun, per chi non l’avesse mai sentito nominare, è… un uccellino.

buonanottepunpunasano

Già, un uccellino in un mondo di umani. O meglio: Punpun non è un uccellino nel contesto della ‘sua’ storia, in cui agisce con le fattezze di chiunque altro (a volte, infatti, intravediamo le sue mani o i suoi vestiti), quanto per gli occhi del lettore. Siamo solo noi che leggiamo, a vederlo così.

In un’ambientazione dal tratto relistico e iper-dettagliato, Punpun si fa percepire come un segno grafico incerto, quasi fosse un abbozzo, uno ‘studio’ del personaggio. Dal suo punto di vista, è come se non riuscisse a definire chiaramente sé stesso, né a scegliere come mostrarsi agli altri. Cambia, si evolve, e nel corso dei volumi assume anche forme più ‘umane’ – ma solo quando inizia a ‘fingere’.

Nella discrepanza che si crea tra la rappresentazione del mondo e quella del protagonista, il lettore avverte un’insanabile disarmonia, un senso di inquietudine e disagio. Anche perché Punpun non è solo carino, tenero, timido. A volte è stupido, ottuso, egoista, addirittura ripugnante. Ma a questo punto noi ci siamo già identificati, e non possiamo più fare un passo indietro per riprenderci la nostra comoda distanza. Punpun è un paradosso grafico, eppure ci coinvolge come il più umano dei personaggi. Anzi, forse lo fa proprio per questo.

punpunasano1

Le scelte grafiche di Asano, al di là della rappresentazione del protagonista, non sono mai fini a sé stesse, e aprono la strada alle emozioni che il mangaka intende suscitare. È molto efficace, per esempio, l’espediente di non far parlare Punpun attraverso i balloons. Sì, perché mentre la voce degli altri personaggi prende corpo nelle ‘nuvole’, per Punpun non è così: le sue parole si presentano sempre come testo bianco su sfondo nero. Questo accade anche durante i dialoghi, in cui si ha la triste impressione che la voce di Punpun resti confinata nella sua mente, incapace di raggiungere (‘toccare’?) gli altri. Asano non lascia niente al caso, e riesce a dare alle sue numerose intuizioni una forma compatta e coerente. Un approccio che rende la serie di fruizione facile e ‘naturale’, nonostante la densità grafica (ed emotiva, naturalmente).

Quello di Punpun è un mondo che fa male, perché le persone sono sole, capricciose, ossessionate dal sesso, nessuno conosce nessuno, nessuno è vicino a nessuno, se non in brevi momenti che sembrano quasi un miracolo. È un mondo tragico, melodrammatico, assurdo e grottesco. In breve, è il nostro mondo.

traingolopunpun
Dopo essere andato a vivere da solo, Punpun diventa triangolo e un tetraedo

Quello che forse fa più male, con il proseguire dei volumi, non è tanto la crudezza della storia, quanto il vedere Punpun rifiutare la felicità. Perché a un certo punto il futuro gli si avvicina, sottoforma di Sachi, e riesce quasi a svegliarlo. Ma lui continua a dormire, a inseguire il passato, i suoi demoni, e Aiko-chan.

punpunadulto
Punpun negli ultimi volumi del manga

Buonanotte Punpun non va letto come una pedissequa narrazione dei fatti, ma come un’evocazione. Se a volte appare confuso, o esagerato, è solo perché Asano afferra il disagio di un’intera generazione e lo amplifica, così da farlo risuonare.

Buonanotte Punpun va letto per arrivare alla fine con il cuore gonfio, la testa pesante, lo stomaco sottosopra. Ti fa ripetere: amo la vita, amo la vita, amo la vita. Come un esorcismo. Un magico esorcismo grafico.

Buonanotte Punpun voll. 1-13
di Inio Asano
Planent Manga
7,50 € a vol.

Leggi anche:
Inio Asano e l’elefante (o l’astronave) nella stanza
Capitan Artiglio racconta “Buonanotte, Punpun” di Inio Asano
Nello studio di Inio Asano

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.

Seguici sui social

53,408FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,974FollowerSegui

Ultimi articoli

empyre marvel

“Empyre”, il nuovo evento a fumetti di Marvel Comics

Marvel Comics ha annunciato per il 2020 un nuovo evento a fumetti intitolato "Empyre", del quale è stato rivelato molto poco.
goat emanuele rosso

Il più grande tennista della storia, raccontato da un fumetto

Il fumettista Emanuele Rosso è l'autore di "GOAT", un graphic novel dedicato al più grande tennista della storia... che non è mai esistito.
meet the skrull fumetto marvel

Radar. 6 fumetti da non perdere usciti questa settimana

Una selezione di alcuni dei fumetti pubblicati in settimana, che secondo noi meritano la vostra attenzione. Per preparare un weekend di buone letture.