Nello studio di Tuono Pettinato

Questa settimana, per la rubrica #tavolidadisegno, siamo entrati nello studio del ‘nostro’ Tuono Pettinato. Autore di Garibaldi, Enigma, Corpicino e Nevermind, membro del collettivo di autori Fratelli del Cielo, “finto” chitarrista dei Laghetto nonché animatore della nostra rubrica Tippi Tuesday, il fumettista pisano ci ha accolti nel suo appartamento – con vista sul murale di Keith Haring. Come sempre, anche a lui abbiamo posto le fatidiche 5 domande di Fumettologica sulle sue tecniche e sul suo ambiente di lavoro. E abbiamo scattato parecchie foto, naturalmente.

tp5

A cosa stai lavorando in questo momento?

Sono impegnato con una serie di racconti brevi. Uno l’ho già consegnato e andrà a far parte di un libro collettivo che uscirà per Rizzoli, un altro fa parte di un progetto sull’Orlando furioso, 8 tavole per una mostra curata da Giuseppe Camuncoli, che probabilmente saranno pubblicate nel catalogo. C’è anche il prossimo libro che scriverò e disegnerò e che insisterà ancora su temi lugubri e funebri e sulla mia fissa sepolcrale. Sarà il primo libro di finzione che faccio con Rizzoli. Sto anche scrivendo un’altra storia di finzione, che sarà disegnata dal fumettista pisano Francesco Guarnaccia e che uscirà, se tutto va bene, nel 2015.

tp12

Che tecnica utilizzi?

Inchiostro su carta e colorazione a Photoshop. Spero che anche la storia che dovrà disegnare Guarnaccia sarà a colori, lui è bravissimo con i colori. Per il libro che sto facendo da solo non so ancora se sceglierò il bianco e nero, per farla a colori dovrei trovare un espediente capace di giustificare la scelta del colore, in maniera che sia effettivamente funzionale alla storia e non gratuita.

tp8

Hai qualche rituale prima di metterti al tavolo da disegno?

Non direi, a parte la presenza costante dell’Estathé, esclusivamente in bric e al limone. Anche la presenza della musica è una costante, mi creo delle playlist a seconda di quello che sto facendo. Ad esempio nel libro che sto facendo con Guarnaccia ci sono dei riferimenti a Smiths e Morrissey, quindi ascolto molte cose di questo tipo al momento.

tp

Fumetti o libri che devi avere sempre sott’occhio?

Un autore che guardo molto è Blutch. Ho scoperto Il piccolo Christian quando stavo facendo Il magnifico lavativo, lui raccontava l’infanzia mescolando elementi drammatici a trovate comiche e questa maniera di raccontare mi piace un sacco. Invece per un libro che dovrei fare con una casa editrice per bambini che si chiama Bianco e nero, per la quale ho immaginato una sorta di parodia della Storia infinita, giocando un po’ col fantasy. Quando mi metto a disegnare cose che sono lontane da quello che faccio di solito in genere mi procuro sempre dei libri di riferimento, in questo caso John Buscema, un librone di Conan e manuali di Dungeon & Dragons.

tp4

E questo cosa è?

Questo è uno schema che ho fatto per Corpicino, una specie di mappa che mi serviva a dividere nella mia testa le varie sottotrame, a dipanare il groviglio che avevo in testa. Mi piaceva e ho voluto conservarlo, anche se in realtà si tratta solo di un terzo dello schema intero.

GUARDA TUTTE LE FOTO