Recensioni Novità Pertini fra le nuvole

Pertini fra le nuvole

Dedicato a quelli che i politici sono tutti uguali. E a quelli che gli autori di fumetti sono tutti uguali. Sandro Pertini e Andrea Pazienza non lo erano. E «uguali» non lo sono, per certo, nemmeno Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis che firmano Pertini fra le nuvole (Becco Giallo).

Pertini

Più che una biografia a fumetti questo Pertini fra le nuvole è un libero sguardo sulla figura e sulla vita del Presidente della Repubblica (dal 1978 al 1985), mediato dall’arte di fare fumetto. E dalla storia stessa del fumetto che entra, con alcuni suoi protagonisti, nella narrazione: a cominciare dalla «spalla» di Pertini, Andrea Pazienza. Che del Presidente, in vita, fu il suo primo immaginifico biografo a fumetti, scegliendolo come suo alter ego in una felicissima serie di storiellette e vignette. Pertini se ne innamorò a tal punto che invitò Pazienza al Quirinale (Andrea non ci andò e rimproverò, in una striscia, a Vincenzo Sparagna, Vincino e Giorgio Forattini – allora direttore responsabile de Il Male – di esserci andati loro, al posto suo, senza avvisarlo). Di questo felice incontro (mancato) è summa testimoniale il Pertini pubblicato qualche anno fa da Fandango Libri (compresa un’edizione speciale edita in occasione della bella mostra Paz e Pert, tenutasi a Roma tra il 2010 e il 2011).

E Paz e Pert sono la coppia classica (Dante e Virgilio) o se volete comica (Gianni e Pinotto) anche del libro di Becco Giallo, un viaggio nella vita nobile e avventurosa di un vero e proprio padre della patria che, attraverso «6 condanne e 2 evasioni» (come recita il titolo di una sua biografia) dall’antifascismo militante degli anni Venti è passato attraverso percosse, arresti, processi, condanne, fughe; e ancora arresti e nuove condanne, carceri speciali (fu a Turi con Gramsci), esili e confini; poi nuove fughe per approdare infine alla Resistenza attiva, alla Liberazione, alla Costituente e via via, su su fino all’elezione a Senatore, a quella di Presidente della Camera dei Deputati e, infine, alla Presidenza della Repubblica.

pertini1

Vita di un socialista – «Ti voglio narrare… di come si diventa socialista e, soprattutto, come lo si resta», dice Pert sul frontespizio del libro –, un socialista tanto tignoso e rigoroso nel difendere libertà e coerenza, quanto nel sostenere ad oltranza l’unità a sinistra, spesso, anzi quasi sempre, contro il suo stesso partito, il Psi, soprattutto nell’era Craxi.

Ma l’abbiamo detto: questa non è una semplice biografia, anche se, come le biografie che si rispettano, ripercorre le tappe fondamentali dell’educazione alla politica e alla vita di Pertini (1896-1990). Come già nei precedenti Cena con Gramsci e Arrivederci Berlinguer (sempre editi da Becco Giallo), Costantini e Stamboulis creano un’autonoma messa in scena delle vite illustri di uomini illustri. Ci mettono dentro, sì gli ingredienti biografici originali di Gramsci, Berlinguer e Pertini, ma soprattutto ci mettono molta farina del loro sacco a far da legante di un’ottima pasta. E allora ecco ricordi, esperienze e sguardi personali; e siccome nel loro sacco ci sono abbondanti semi di figurazioni anche a fumetti eccolo il fumetto in Pertini fra le nuvole.

Della presenza narrante e dialogante di Andrea Pazienza si è accennato: accanto a Pertini fa da «cornice» e contraltare allo svolgersi della biografia. Nei «tableaux vivants» di Costantini, però, il Presidente assume via via le sembianze di Charlie Brown, di Mafalda e di Popeye, dialoga e questiona con Pazienza come fossero due topi di Maus o Asterix e Obelix. Questo, almeno nella versione «corretta» che trovate in libreria, visto che quella precedente, già pronta per uscire in occasione di Lucca Comics & Games di qualche settimana fa, è stata bloccata per questioni di diritti rivendicati. Nelle tavole originali disegnate da Costantini, infatti, facevano da «comparse» anche Tintin e il Numero Uno del Gruppo Tnt. Ma, evidentemente, alcuni troppo fedeli custodi del copyright non hanno gradito l’omaggio.

pertini fra le nuvole

Un felice contrasto di toni, stili e linguaggi caratterizza tutto il libro. Si va dai siparietti vignettistici nei quali la coppia dialoga alle tavole fotografiche e graficizzate che scandiscono le tappe della vita di Pertini; agli inserti citazionisti del mondo del fumetto (ma ci trovate anche qualche accenno a Grosz o espliciti tasselli con vignette satiriche dell’epoca: come quella su Mussolini seduto sulla bara di Matteotti, una vignetta del 1924 apparsa sulla rivista «Becco Giallo»). E poi tavole di grande atmosfera ed espressività, come quelle dedicate alla traversata notturna in motoscafo con cui Pertini, Ferruccio Parri, Adriano Olivetti e altri portarono Filippo Turati in Francia: un crescendo di toni scuri, blu e neri, nei quali i personaggi appaiono come ombre fantasmatiche.

Il testo attraversa le tavole e le cornici in un rapporto fluido con le immagini e alterna didascalie esplicative a fumetti lievi e ironici. Tra i molti, scegliamo questo scambio di battute – quando Pertini rievoca la breve esperienza in una radio militante clandestina durante l’esilio in Francia – : «Come Radio Alice?» commenta il “settantasettino” Andrea Pazienza mentre Pertini gli risponde: «Non fare come quelli che pensavano di essere partigiani negli anni 70… Niente similitudini».

E un finale ancora più esplicitamente citazionista, con quattro tavole quasi clonate da Moebius, quello di Inside Moebius, nel quale – in questo caso – Costantini e Stamboulis ragionano autoironicamente sul loro lavoro, sul raccontare e interpretare il mondo e la storia con le parole e con i segni.

pertini3

Qualche anno fa, recensendo i primi titoli del catalogo dell’allora neonata casa editrice di Padova, capitanata da Guido Ostanel e Federico Zaghis, coniai il termine «fumetto civile» per definire un’attitudine a pensare, realizzare e pubblicare storie a fumetti che si basavano sul senso della civis. E dunque di cittadini, di membri di una comunità politica (da polis) impegnati socialmente a operare per il bene pubblico. Becco Giallo – che nel 2015 festeggerà il decennale – con i suoi quasi cento titoli ha dimostrato di saperlo fare con buona coerenza e ha dato vita a una bibliografia civilmente utile per ricostruire la storia del nostro Paese e non solo.

Gianluca Costantini – coadiuvato da Elettra Stamboulis – si è inventato, per così dire, un’«arte civile del fumetto». Da solo o in coppia con Elettra persegue, infatti, una linea artistica «impegnata»: non nello spuntato senso dell’engagé, dell’«ingaggiato» ideologicamente o politicamente, ma piuttosto nel senso di un’arte, di un fare arte che non può fare a meno di essere politica e civile. Dal sito Political Comics all’Associazione culturale Mirada di Ravenna, città dove organizzano da dieci anni il festival del fumetto di realtà Komikazen. A questo felicissimo Pertini fra le nuvole che è l’esempio di come si possa fare fumetto, raccontare la storia e comunicare idee e valori senza scivolare nel facile e retorico didascalismo.

Pertini fra le nuvole
di Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis
Beccogiallo, 2014
143 pagine, 16€

Leggi anche: Le vignette di Andrea Pazienza raccontate da Makkox

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.

Seguici sui social

51,871FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,519FollowerSegui

Ultimi articoli

spider-man jj abrams fumetto marvel

Importanti cambiamenti per Spider-Man nel fumetto scritto da J.J. Abrams

Il primo numero della nuova serie di Spider-Man scritta da J.J. Abrams e disegnata da Sara Pichielli si è aperto con una grossa sorpresa.
doug braithwaite

Doug Braithwaite sarà ospite di Lucca Comics 2019

Il disegnatore britannico Doug Braithwaite sarà ospite della prossima edizione di Lucca Comics & Games, in collaborazione con Star Comics.
chanbara 2 fumetto bonelli

Un po’ di pagine dal nuovo volume di “Chanbara”, la serie Bonelli sui samurai

Bonelli ha presentato alcune tavole in anteprima di "Le spade del tradimento", il secondo volume della serie "Chanbara", ambientata nel Giappone feudale.