Cover Art La nuova copertina del New Yorker, firmata da Richard McGuire

La nuova copertina del New Yorker, firmata da Richard McGuire

La copertina del New Yorker del 24 novembre è firmata da Richard McGuire ed è un’autocitazione del suo fumetto Here.

new yorker mcguire here

Pubblicato originariamente nel 1989 su Raw – storica rivista diretta da Art Spiegelman – Here è un racconto sperimentale che mette al centro un angolo di una stanza, e gli eventi che accadono in questo spazio mentre il tempo scorre avanti e indietro, intrecciando centinaia di migliaia di anni attraverso un limitato insieme di vignette ripetute e, di volta in volta, “arredate” con elementi differenti.

Nonostante si tratti di un opera di sole sette pagine, nel corso degli anni Here è diventato un riferimento per molti fumettisti delle generazioni seguenti. Uno su tutti: Chris Ware, l’autore di Jimmy Corrigan e Building Stories, che si è sempre dichiarato influenzato dal lavoro di McGuire.

Una pagina dalla prima versione di 'Here', pubblicata su Raw
Una pagina dalla prima versione di ‘Here’, pubblicata su Raw

Non è un caso che il New Yorker abbia scelto di affidare la copertina di questa edizione a McGuire, e non è un caso che l’autore abbia scelto di riprendere l’idea del suo fumetto. Here sta infatti per essere pubblicato a dicembre in una nuova veste editoriale, rivisto, colorato ed espanso – con una versione digitale interattiva.

«Mentre cammino per la città, viaggio nel tempo, proiettato in avanti, progettando quello che devo fare» – racconta McGuire a Françoise Mouly, moglie di Spiegelman e art director del New Yorker – «Poi ho un improvviso flashback di una conversazione, ma noto una targa su un edificio che commemora un personaggio famoso che una volta abitava lì, e per un secondo me lo sto immaginando che apre la porta. Questo è quello su cui si basa il mio nuovo libro, Here: giocare con il tempo sia in modo storico che personale.»

Qui si può leggere un’anteprima.

Seguici sui social

49,567FansMi piace
1,505FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,671FollowerSegui

Ultimi articoli

tra mille richiami superficiali e nessuna profondità sostanziale

“Kokoro”, Igort nel cuore del Giappone

"Kokoro" di Igort è un viaggio in Giappone fatto di immagini frammentate e idee raccolte dall'autore quando ci ha vissuto o durante le sue riflessioni.
ryu delle caverne ishinomori manga jpop

Radar. 12 fumetti da non perdere usciti questa settimana

Una selezione di alcuni dei fumetti pubblicati in settimana, che secondo noi meritano la vostra attenzione. Per preparare un weekend di buone letture.

È morto il fumettista Alberico Motta

È morto oggi all’età di 81 anni Alberico Motta, storico autore umoristico italiano, noto soprattutto per la sua collaborazione con l’editore Bianconi.