Focus Profili Cutting Edge: dall'Italia alla Francia e ritorno. Intervista a Francesco Dimitri

Cutting Edge: dall’Italia alla Francia e ritorno. Intervista a Francesco Dimitri

di Enrico Piscitelli

A ottobre dello scorso anno, Panini Comics ha pubblicato il primo volume di una serie già pubblicata nel 2013, in Francia, da Delcourt: Cutting Edge. I due autori sono italiani: Francesco Dimitri, prolifico scrittore di storie dense di magia e immaginario, e Mario Alberti, che ha all’attivo lavori con Marvel, DC, Bonelli, Les Humanoïdes Associés. Non è la prima volta che un fumetto italiano uscito in Francia viene poi ripubblicato da un editore italiano (due esempi: Sky Doll di Barbucci e Canapa e Morgana di Enoch e  Alberti, sempre lui) ma è un ottimo spunto per fare qualche domanda a Francesco Dimitri.

cuttingedge0

Francesco, che cos’è Cutting Edge?

Non saprei definire bene Cutting Edge: è nato dalle passioni (e ossessioni) sia mie che di Mario, quindi è un po’ una bestia ibrida. È una storia corale, character-driven, come dicono qui [Francesco vive a Londra, N.d.r.]. È un thriller soprannaturale, o meglio, “magicamente realista”. Ed è, mi piace pensare, un inno alla speranza in tempi difficili.

Come è nata l’idea e come avete lavorato?

È nato tutto su Facebook. Mario aveva comprato un mio libro, Alice nel Paese della Vaporità, gli era piaciuto e mi aveva contattato. Io sono appassionato di fumetti da tempi non sospetti (il mio primo tatuaggio, fatto a 18 anni, è lo stemma di Superman…). Abbiamo deciso di fare qualcosa insieme, ma non sapevamo cosa. Io gli ho mandato un po’ di idee che mi frullavano in testa, e una di queste l’ha incuriosito: una sfida globale tra personaggi larger than life. Abbiamo iniziato a rimbalzarci idee, personaggi, situazioni, in uno scambio di email e chiamate su Skype fittissimo (ma fittissimo), durante il quale siamo anche diventati molto amici. Il progetto è davvero di entrambi, in ogni aspetto, e credo che si senta. Poi abbiamo continuato a lavorare così, sentendoci via mail o su Skype ogni volta che uno dei due aveva bisogno di qualcosa. Le mie sceneggiature sono piuttosto dettagliate, ma Mario cambia sempre qualcosa, e la cambia sempre per il meglio.

cuttingedge2

Com’è arrivata la pubblicazione con Delcourt? E perché vi siete rivolti a un editore francese?

La via per la pubblicazione è stata relativamente liscia: abbiamo preparato un dossier molto sostanzioso, con storia, schizzi, ambienti, idee, e quant’altro, e lo abbiamo portato in Delcourt. E in Delcourt l’hanno comprato. Abbiamo pensato alla Francia prima che all’Italia per diversi motivi. Il principale è che per produrre una storia come Cutting Edge, la Francia è un po’ il posto naturale: è una serie d’avventura per certi versi molto classica e per altri per niente, e il formato francese permette una serie di giochi linguistici e artistici che nessun altro formato al mondo permette. E poi David Chauvel, il nostro editor, è uno spasso, ed è davvero bello lavorarci.

Yu hai decisamente un immaginario differente da ciò che ci si aspetta da un autore italiano – a parte Valerio Evangelisti e pochi altri. In Alice nel Paese della Vaporità, che ha conquistato Mario, costruisci un mondo che è insieme steampunk, un’ucronia, un omaggio a Lewis Carroll e molte altre cose. Cosa ti porta a questo, a voler costruire interi mondi nelle tue narrazioni?

cuttingedge3

Io mi sento molto poco Italiano – e vivo felicemente all’estero da quasi sette anni, a ben pensarci (‘azz, come passa il tempo). Non è che abbia pregiudizi verso produzioni italiane, e ce ne sono state (e ce ne sono) alcune di altissimo livello. Anche alcune che mi piacciono molto: solo per pescare i primi due nomi che mi vengono in testa, Hugo Pratt e Milo Manara sono per me dei mostri sacri. E Bonelli e Disney hanno un livello medio davvero elevato. Però sono cresciuto soprattutto con libri e fumetti inglesi e americani. Leggevo Arthur Machen più che Alberto Moravia, Algernon Blackwood più che Dino Buzzati, Stephen King più che Enrico Brizzi, e così via. E sì, Evangelisti, ma lui non conta come Italiano.  Credo sia naturale che quelle siano le influenze che si sentono, e mi fa piacere si sentano. È una questione di sensibilità, di gusti.

Che differenza c’è tra scrivere romanzi e scrivere fumetti?

Sono due tipi di scrittura molto diversi. Quando scrivi un romanzo hai in mente soltanto i lettori: stai facendo la cosa che i lettori avranno per le mani. Ma quando scrivi una sceneggiatura, hai in mente prima di tutto il disegnatore: è un documento di dialogo con lui. Se provi a scrivere un romanzo come se fosse un fumetto, o un fumetto come se fosse un romanzo, finisci per fare porcate. Ho scritto in molti diversi media (romanzi, fumetti, giochi, magazine, crowdsourced storytelling, film), e trovo che la scrittura di fumetti sia, da un punto di vista tecnico, forse la più difficile in assoluto. Ma è così appagante, quando un maestro come Mario ti mostra una tavola…

Seguici sui social

54,309FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,363FollowerSegui

Ultimi articoli

bryan talbot comicon 2020

Bryan Talbot ospite a Comicon 2020

Il fumettista britannico Bryan Talbot sarà tra gli autori internazionali ospiti di Comicon 2020, il salone del fumetto di Napoli.
cassidy fumetto bonelli

Bonelli rilancia Cassidy con nuove storie a fumetti

A partire da marzo, Sergio Bonelli Editore pubblicherà nuove storie di Cassidy, il personaggio creato nel 2010 da Pasquale Ruju.
freakangels crunchyroll

“FreakAngels” di Warren Ellis diventa una serie animata per Crunchyroll

"FreakAngels", il webcomics di Warren Ellis e Paul Duffield, è stato adattato in una serie animata dal servizio di streaming Crunhyroll.