Recensioni Novità La memoria dei segni, e i disegni degli internati nei lager

La memoria dei segni, e i disegni degli internati nei lager

Ci sono disegni che dicono cose, e disegni che dicono quel che è difficile dire. I 250 disegni fatti dagli internati rinchiusi nei lager durante la Seconda guerra mondiale e raccolti in K.Z. – disegni degli internati nei campi di concentramento nazifascisti, sono un raro esempio di quel secondo genere. Un esempio che porta una testimonianza preziosa oggi, nel Giorno della Memoria, grazie al lavoro di documentazione svolto nel corso del tempo da Arturo Benvenuti, che già nel 1983 stampò una prima versione del libro pubblicato in questi giorni da BeccoGiallo.

KZcover

In uno dei testi che accompagnano il volume, Roberto Costella ne riassume il percorso:

«nel settembre 1979, cinquantaseienne, alla guida del suo camper, insieme alla moglie Marucci, Arturo Benvenuti ha cominciato a percorrere le Viae crucis del Novecento: una sorta di viaggio riparatore, di pellegrinaggio laico, che ha avuto le sue stazioni in Auschwitz, Terezín, Mauthausen e Buchenwald, dopo aver sostato in città come Vienna e Parigi, Amsterdam e Belgrado, Stoccolma e Ginevra, Londra e Monaco di Baviera, Budapest e Cracovia, Weimar e Praga, Copenaghen e Stoccarda. E qui ha incontrato reduci, conosciuto sopravvissuti, visitato musei di storia cittadina, pubblici archivi, biblioteche civiche alla ricerca di testimonianze figurate dei lager.»

Così è nato K. Z., sottotitolato Disegni degli internati nei campi di concentramento nazifascisti, dato alle stampe nell’aprile 1983, con la prefazione di Primo Levi. Il libro di 276 pagine, con altrettante fotografie in bianco e nero, riproduce disegni, quasi sempre eseguiti nei lager, dagli stessi internati; si tratta di materiale grafico – talvolta pittorico – raccolto nel corso di quattro anni, e poi composto dallo stesso Benvenuti, che ha trovato la tipografia nel Reparto Stampa della Cassa di Risparmio della Marca Trivigiana. L’istituto bancario di Treviso, facendosene carico, ha realizzato un’edizione fuori commercio, aderendo così ad una precisa richiesta del curatore.

KZ15

In queste immagini vediamo ritratti interni ed esterni, carri treni e fornaci, corpi scarnificati e scenette di banale quotidianità, momenti di lavoro e stanze affollate, esecuzioni capitali e docce fatali, cadaveri e fantasmi. Accostati tra loro ci sono disegni di artisti professionisti, ma anche di amatori naif e persino di alcuni bambini.

Tuttavia il punto centrale, per noi, sta nel ruolo che questa raccolta attribuisce a una forma particolare di memoria: quella del disegno. Perché in K.Z., i segni tracciati dai prigionieri sembrano ricordarci l’incredibile continuità tra corpo e carta. Il disegno non solo come visualizzazione di “fatti”, ma come traccia (ricordo?) di un corpo – una mano – e quindi, in qualche misura, strumento capace di farsi testimonianza storica di una speciale, tragica esperienza fisica. Come notò Primo Levi:

Le immagini qui riprodotte non sono un equivalente o un surrogato: esse sostituiscono la parola con vantaggio, dicono quello che la parola non sa dire.

Ecco quindi la ragione per la quale il lavoro di Benvenuti mi pare prezioso, anche e soprattutto per noi che ci occupiamo di disegno: ci suggerisce una verità che i sensi non possono (più) testimoniare, ma che la memoria dei segni può alludere con straordinaria, emozionante potenza. Con le sue stesse parole:

Questo libro vuole essere – cerca di essere – soprattutto un contributo alla giusta “rivolta” da parte di chi sente di non potersi rassegnare, nonostante tutto, ad una realtà mostruosa, terrificante. Di chi crede che si debba ancora e sempre “resistere”. Senza vuote parole. Senza retorica. Così come senza parole e senza retorica hanno saputo resistere gli autori di queste immagini, tremende “testimonianze” di una immane tragedia. Atti di accusa, ma anche inequivocabili messaggi di ieri per l’oggi. Senza inutili discorsi. Non ce n’è davvero bisogno.

 

KZ23
Barbieri Agostino, n. Italia, 1915
Una vittima della cava, 1945

Brandhuber Jerzy Adam, n. Polonia, 1897 Ricoverati all’ospedale, 1946 Campo di concentramento di Oświecim, Polonia
Brandhuber Jerzy Adam, n. Polonia, 1897
Ricoverati all’ospedale, 1946
Campo di concentramento di Oświecim, Polonia

Corrado Cagli, n. Italia, 1910 Ragazzo nel lager, 1945 Campo di concentramento di Buchenwald, Germania
Corrado Cagli, n. Italia, 1910
Ragazzo nel lager, 1945
Campo di concentramento di Buchenwald, Germania

Holló Imre I pidocchi, 1944-45 Campo di concentramento di Dörnhau, Germania
Holló Imre
I pidocchi, 1944-45
Campo di concentramento di Dörnhau, Germania

KZ136
Kumar Stane, n. Italia, 1910
Bambino di Čaban, 1943
Campo di concentramento di Gonars, Italia

KZ195
Podoroschnij S., n. URSS
Lavoro nella cava di pietra
Campo di concentramento di Mauthausen, Austria

KZ202
Richter Joseph
Implorano acqua dal finestrino del treno, 1943
Campo di concentramento di Sobibór, Polonia

Szajna Jósef, n. Polonia, 1922 Appello, 1944 Campo di concentramento di Buchenwald, Germania
Szajna Jósef, n. Polonia, 1922
Appello, 1944
Campo di concentramento di Buchenwald, Germania

Tolkacev Sinowi, n. Russia, 1903 Sepoltura delle vittime, 1945 Campo di concentramento di Oświecim, Polonia
Tolkacev Sinowi, n. Russia, 1903
Sepoltura delle vittime, 1945
Campo di concentramento di Oświecim, Polonia

Slama Carlo, n. Italia, 1921 Impiccagione in galleria, 1945 Campo di concentramento di Dora, Germania
Slama Carlo, n. Italia, 1921
Impiccagione in galleria, 1945
Campo di concentramento di Dora, Germania

NOTA: Le didascalie di ciascun disegno riportano di ogni autore i dati essenziali, così come rintracciati da Benvenuti: nome, cognome, data e luogo di nascita; e poi il titolo/soggetto del disegno e l’anno di realizzazione.

Seguici sui social

52,961FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,886FollowerSegui

Ultimi articoli

15 anni di Canicola Edizioni

Un’idea di fumetto, un progetto culturale, l'editore Canicola compie 15 anni e con questa intervista ripercorriamo la loro storia.
radiant j-pop tony valente

Tony Valente: «In Radiant racconto rifiuto e accettazione del diverso. Migranti inclusi»

Tra gli shonen manga di successo in Europa negli ultimi anni, Radiant è una curiosa anomalia. Tony Valente ci racconta com'è nata la serie e il suo futuro.
joker sequel

Potrebbero esserci nuovi film su Joker e altri cattivi di DC Comics

Todd Phillips potrebbe dirigire il sequel di Joker, e avrebbe l'idea di realizzare altri film incentrati sulle origini di altri cattivi DC Comics.