Mondi POP Cinema I riferimenti al Punitore della Marvel in American Sniper

I riferimenti al Punitore della Marvel in American Sniper

All’interno del nuovo discusso film di Clint Eastwood, American Sniper – distribuito da poche settimane anche nelle sale italiane -, è possibile notare un “omaggio” a un classico personaggio dei fumetti americani, il Punitore/Punisher, la cui presenza suggerisce forse un ulteriore livello di lettura per la pellicola. In una scena del film – come dimostra il fotogramma posto di seguito – uno dei protagonisti del film, Ryan “Biggles” Job, in un attimo di risposo sta leggendo proprio un fumetto dell’anti-eroe della Marvel Comics (etichettandolo erroneamente come “graphic novel” anziché come “comic book”).

Leggi anche: Un corto animato che racconta le paure della guerra meglio di American Sniper

americansniperpun

Come si può notare dalla copertina, l’albo in questione è il primo numero della serie del 2004 – anno in cui è ambientata anche la scena – scritto da Garth Ennis e disegnata da Lewis Larosa. Frank Castle, il protagonista del fumetto, è un veterano del Vietnam la cui famiglia è stata sterminata durante un regolamento di conti tra bande criminali. Da allora, ha giurato di “punire” tutti i criminali. Il riferimento al personaggio, però, deriva direttamente dall’autobiografia di Chris Kyle, alla cui vita reale è ispirato il film di Eastwood. In essa, Kyle ha infatti scritto quanto segue:

«Ci facevamo chiamare i Punishers.

Per quelli di voi che non hanno familiarità con il personaggio, il Punitore ha debuttato in una serie a fumetti della Marvel negli anni Settanta. E’ un vero bastardo che raddrizza i torti, dispensando giustizia come un vigilante. E’ appena uscito un film che ne porta il nome; il Punitore indossava una maglietta con un teschio bianco stilizzato.

Il nostro tipo delle comunicazioni lo suggerì prima del dispiegamento. Pensavamo tutti che il Punitore fosse davvero figo: raddrizzava i torti; uccideva i cattivi; i malviventi lo temevano.

Era quello che facevamo anche noi. Così adattammo il suo simbolo – un teschio – e lo rendemmo nostro, con qualche modifica. Lo disegnavamo su Hummer, corazze, elmetti e tutti i nostri fucili. E lo disegnavamo su tutti gli edifici e muri su cui potevamo. Volevamo che la gente lo sapesse: “siamo qui e vogliamo fottervi.”

Era la nostra versione della guerra psicologica:

“Ci vedi? Noi siamo quelli che vi prendono a calci nel culo. Temici. Perché ti uccideremo, figlio di puttana.”

“Tu sei cattivo. Noi di più. Noi siamo bastardi.”»

Per comprendere meglio Chris Kyle e la sua psicologia, è il caso di far notare come, nel fumetto citato, il Punitore è rappresentato da Ennis e Larosa come un uomo distrutto dall’esperienza in Vietnam e che è di conseguenza diventato un pericoloso psicopatico, pur se ancora dotato di una morale.

Via Vulture

Seguici sui social

52,955FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,881FollowerSegui

Ultimi articoli

joker sequel

Potrebbero esserci nuovi film su Joker e altri cattivi di DC Comics

Todd Phillips potrebbe dirigire il sequel di Joker, e avrebbe l'idea di realizzare altri film incentrati sulle origini di altri cattivi DC Comics.
wonderland rai 4

La puntata di “Wonderland” dedicata a Lucca Comics 2019

La puntata di Wonderland, la trasmissione di Rai4 sul mondo della cultura pop e dell’intrattenimento, dedicata a Lucca Comics 2019, è ora online.
house of x 2

Guida agli X-Men di Hickman: “House of X” 2

Riassunto, annotazioni, riferimenti, influenze e particolari di "House of X" 2, albo del rilancio di Jonathan Hickman che cambia per sempre gli X-Men.