Mondi POP Cinema Il concept design di Indiana Jones realizzato da Jim Steranko

Il concept design di Indiana Jones realizzato da Jim Steranko

Jim Steranko è considerato un autore leggendario all’interno del mondo del fumetto, pur con una produzione decisamente limitata, soprattutto se paragonata a quella di altri disegnatori suoi contemporanei della Silver Age. Dopo aver iniziato a lavorare nel 1957 su testate supereroistiche minori, approdò infatti in Marvel Comics nel 1966, dove raggiunse subito l’apice con un breve ciclo di racconti da lui scritti e disegnati con protagonista Nick Fury, il capo dello S.H.I.E.L.D., ovvero l’agenzia di spionaggio più importante dell’universo narrativo della Casa delle Idee. Steranko sfruttò il successo di James Bond e convinse i lettori con la sua ingegnosa inventiva – a lui si devono molti elementi narrativi e congegni futuristici ancora oggi tipici dello S.H.I.E.L.D., sia nei fumetti che nei film dei Marvel Studios – e con il suo peculiare stile di disegno, che integrava la pop art e altre avanguardie artistiche psichedeliche allora in voga con il tipico stile Marvel.

Dopo aver abbandonato le pagine di Nick Fury: Agent of S.H.I.E.L.D., i lavori di Steranko iniziarono a farsi più sporadici e a limitarsi a illustrazioni per copertine pulp o poco più – tra il raffinato adattamento a fumetti del film Atmosfera Zero.

L’autore, però, nel corso degli anni lavorò anche nel settore cinematografico, realizzando bozzetti per locandine e concept design. Tra questi – come riporta Brian Cronin all’interno della rubrica Comic Book Legends Revealed del portale CBR – anche quello di Indiana Jones per il film I predatori dell’arca perduta del 1981, prodotto da George Lucas e diretto da Steven Spielberg.

Di seguito, i disegni realizzati da Steranko per conto di Lucas, in cui si può facilmente notare il suo tipico gusto per la composizione.

indianajones1

indianajones2

indianajones3

indianajones4

Gli elementi principali del look di Indiana Jones erano già tutti presenti: i pantaloni color cachi, il cinturone per la pistola, la frusta e una giacca di pelle simile a quella indossata sempre anche da Lucas stesso. Secondo Steranko, la cintura diagonale modello Sam Browne e il cappello fedora furono in particolare sue aggiunte. Inoltre, come raccontato dalle pagine virtuali di Empire, il disegnatore cercò di ricreare quello che secondo lui era il classico approccio alla Spielberg: «un immaginario avvincente e spesso dinamico sempre al servizio della narrazione.»

Questi disegni furono realizzati prima dell’ingresso nel cast di Harrison Ford – e prima ancora di Tom Selleck, che fu costretto a rinunciare al ruolo di Indiana Jones a causa degli impegni con la serie TV Magnum P.I. – così sempre Lucas suggerì a Steranko di guardare all’Humphrey Bogart di Il tesoro della Sierra Madre (film del 1948 diretto da John Houston), come è evidente in particolare nel secondo disegno. Il creatore di Guerre stellari inviò al disegnatore la foto di due illustrazioni da questi realizzate nel 1976 per la fanzine Lone Star Fictioneer e riportate di seguito.

lonestart

Dunque, il concept design del personaggio fu sì realizzato da Steranko, ma sotto la decisa guida di Lucas. A proposito della paternità di Indiana Jones, però, lo stesso Steranko, all’epoca dell’uscita del film delle sale, rilasciò una dichiarazione a un quotidiano locale:

«Quando le illustrazioni furono commissionate, il casting del film non era ancora stato effettuato. Le caratteristiche facciali di Indy furono lasciate a me, e io optai per un viso ruvido, rugoso, scavato dalle intemperie e deciso… Il risultato non era a quanto pare troppo lontano da quello che Steven e George stavano cercando, visto che Harrison Ford sembra quasi esattamente la figura delle illustrazioni.»

Al di là di chi sia stato a creare cosa, guardando le illustrazioni di Steranko, di certo non è sbagliato affermare come i suoi disegni abbiano contribuito a determinare la giusta atmosfera della pellicola che ne sarebbe derivata. Tra l’altro, è curioso notare come l’autore abbia affermato di non averne letto la sceneggiatura, prima di realizzarli. Tutto il suo lavoro fu basato invece su una conversazione avvenuta una sera a cena.

Lucas e Spielberg furono talmente impressionati dal lavoro svolto che gli proposero di realizzare altre cinquanta illustrazioni, in modo da raffigurare fondamentalmente le scene principali del film. Steranko però dovette rifiutare a causa dei tempi stretti di lavorazione (avrebbe dovuto realizzarne una al giorno per cinquanta giorni, in un periodo già carico di lavoro), nonostante le insistenze di Spielberg, che arrivò a posticipargli la scadenza. Forse il rifiuto a quest’ultimo costituisce proprio il motivo principale per cui Steranko non ha mai ricevuto il giusto riconoscimento per il contributo alla creazione di Indiana Jones e del suo mondo. Come da lui dichiarato in seguito, infatti, era «dispiaciuto di doverlo deludere, e non si vuol mai deludere Spielberg.»

Seguici sui social

51,774FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,495FollowerSegui

Ultimi articoli

“Ramo”, un delicato racconto su morte e amore

In anteprima presentiamo ben sedici pagine da “Ramo”, graphic novel di Silvia Vanni, già autrice di “Salomè” e “La città dei cuori innocenti”.
planetes omnibus manga Makoto Yukimura

“Planetes”, un romanzo di formazione nello spazio

"Planetes" di Makoto Yukimura è un manga di hard sci-fi ma al cui centro di tutto rimane il concetto di amore ed empatia tra esseri umani.
diario vitt jacovitti

Diario Vitt, Lupo Alberto e Sio: 70 anni di diari a fumetti

La storia dei diari scolastici a fumetti, a partire dal secondo dopoguerra e dal mitico Diario Vitt, fino ai più recenti lavori di Sio.