News Il fantasy onirico di Sandoval: Watersnakes

Il fantasy onirico di Sandoval: Watersnakes [Recensione]

Con Watersnakes Sandoval conferma e amplifica le sue qualità di artista e affina quelle di autore, dando vita a una storia che è fortemente legata alle sue opere precedenti ma che segna al tempo stesso una sorta di manifesto dichiarato delle sue intenzioni autoriali.

Mia conosce Agnès di cui presto si innamora. È affascinata dal mistero che avvolge questa ragazza così libertina, senza regole, intraprendente e imprevedibile. Salvo scoprire che si tratta di un fantasma: da quel momento in poi si troverà invischiata nell’epica battaglia tra il bene e il male.

Watersnakes

Tunué, che ha pubblicato le principali opere dell’autore messicano, ha dato alle stampe un’edizione curata nei dettagli che rende onore a un’opera non certo perfetta ma di grande fascino, a partire dalla copertina rigida fino ad arrivare ai contenuti extra che contano sketch, prove e tributi.

Come si diceva, Watersnakes è la quintessenza della poetica di Sandoval: ci troviamo di fronte a un graphic novel in cui le coordinate narrative e concettuali si condensano in un pensiero che è la struttura stessa dell’autorialità di Sandoval. A partire dal tema cardine di tutti i suoi lavori, il passaggio all’età adulta. Quello che era al centro di lavori quali Oltre il muro (scritto da Pierre Paquet), Doomboy e soprattutto Il cadavere e il sofà, attraversa anche quest’ultimo volume in maniera e forma più sottile. Si contamina felicemente con altre ossessioni, come la rappresentazione dell’innamoramento in una forma poetica che trova nello stile di Sandoval la sua composizione espressiva e grafica ideale.

Come in quasi tutti i suoi lavori, i protagonisti di Watersnakes sono adolescenti turbati da una confusione esistenziale e Mia non si sottrae a questa logica. È un’eroina e al tempo stesso una ragazza come tante altre, anzi, è proprio la sua normalità a renderla eccezionale in una situazione così straordinaria come quella raccontata in questo fumetto. Eccezionale e simpatica, perché tra i pregi di quest’opera c’è una mai stucchevole alternanza di toni, dal dramma alla poesia pura (la fine dell’estate e l’arrivo dell’autunno), dall’horror all’epicità fantasy. Tutti generi che si sposano l’un con l’altro senza appesantire la storia o rendere poco credibile il narrato. In particolare il dark che attraversa Watersnakes pare essere diventato quasi una firma personale dell’autore, che ne aveva fatto la colonna portante di Nocturno e in parte di Doomboy.

Watersnakes1Ma a lasciare il segno è senz’ombra di dubbio la capacità di Sandoval di dialogare con la dimensione onirica delle sue storie. In particolare l’incipit è particolarmente esplicativo: la narrazione si fa ipnotica, trasognante, siamo consapevoli di vivere un sogno altrui ma ci lasciamo trasportare comunque con passione e reale coinvolgimento. Come sempre, quando si tratta di fumetto, a rendere vibrante questa specifica caratteristica sono i pennelli dell’autore. In questo senso Sandoval sa esattamente come dosare il ritmo e soprattutto ci regala tavole dal forte impatto emotivo, dove l’iconografia surrealista si sposa con una visione di ampio respiro, decadente, malinconica.

Non tutto convince di Watersnakes: come le opere precedenti manca il coraggio di dare profondità alla storia, renderla universale, unica, riflessiva, trascendente. E così, paradossalmente, Watersnakes si limita ad essere semplice storia e non l’epica di una storia (una storia infinita, per citare il classico di Michael Ende). È un po’ il problema del Sandoval autore (non a caso l’opera finora più convincente è Oltre il muro, che non è scritta da lui), laddove in veste di artista ha confermato di essere tra i più interessanti ed evocativi del panorama contemporaneo.


Watersnakes
di Tony Sandoval
Tunué, 2014
144 pagine, 18,90 €

Seguici sui social

53,324FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,959FollowerSegui

Ultimi articoli

“Rapsodia in blu” di Andrea Serio, una rarefatta narrazione impressionista

Una intervista ad Andrea Serio, illustratore e fumettista, autore del graphic novel "Rapsodia in blu", pubblicato da Oblomov.
bella addormentata nel bosco disney

“La bella addormentata nel bosco”, quando Disney spinse all’estremo

"La bella addormentata nel bosco" usciva 60 anni fa e rimane, all'interno della filmografia di Walt Disney, un film anomalo per stile e contenuti.
stargirl serie tv dc comics

Il teaser della serie tv “Stargirl” di DC Universe

DC Universe, la piattaforma di streaming di DC Comics, ha diffuso il teaser di Stargirl nuova serie tv dedicata alla supereroina.