Radar. 8 fumetti da non perdere usciti questa settimana

Beowulf (Tunuè). La coppia spagnola formata da Santiago Garcìa e David Rubín si cimenta con la trasposizione a fumetti di una delle più importanti opere della letteratura anglosassone (e non solo), il poema epico Beowulf. I disegni di Rubín sono sempre uno spettacolo e in quest’occasione ha davvero superato se stesso, come potete apprezzare dalla nostra anteprima.

beowulfradar

Obata Takeshi Illustrations Blanc et Noir (Panini Comics). Un lussuoso volume a colori a tiratura limitata che raccoglie numerose illustrazioni realizzate agli inizi degli anni 2000 da Takeshi Obata, il disegnatore di alcuni dei più celebri manga degli ultimi anni (Hikaru No Go, Death Note, Bakuman). Forse l’unico problema rimane il prezzo, visto che 79 euri per 162 pagine sono un bell’investimento.

Slipcase Absolute Watchmen/Before Watchmen (RW-Lion). E a proposito di prezzi arditi: qua abbiamo un ‘magnifico slipcase telato’ (costo 234 euri) che raccoglie l’edizione absolute del capolavoro di Alan Moore e Dave Gibbons più gli altri otto volumi del’amatissimo prequel Before Watchmen, il progetto pensato da un manipolo di autori che non ‘avran paura se non saran bravi come Alan Moore’. Non ho testimonianze dirette, ma sono quasi sicuro che la presenza contestuale di Watchmen nello stesso cofanetto assieme ai suoi fratellini più sfortunati porti all’autocombustione dello stesso.

Yossel – 19 aprile 1943 (RW-Lion). Il graphic novel di Joe Kubert dedicato alla Shoa. È la storia di Yossel, giovane artista ebreo la cui carriera sarà stroncata dai nazisti, che lo costringeranno prima a vivere in condizioni degradanti nel ghetto di Varsavia e poi a sperimentare l’orrore dei campi di concentramento. Questo non fatevelo scappare.

C’era una volta in Francia vol. 1 (RW-Lineachiara) & Jim Cutlass vol. 1 (RW-Lineachiara). Una bella doppietta di uscite francesi per Lineachiara. La prima è una serie scritta da Fabien Nury (uno dei migliori sceneggiatori di bande dessinée) e disegnata da Sylvain Vallée che racconta la turbolenta storia di Joseph Joanovici, ebreo rumeno divenuto l’uomo più ricco di Francia durante l’occupazione; il secondo è invece un recupero d’annata di una serie western scritta da Jean-Michel Charlier e nientepopodimeno che Jean Giroud aka Moebius, a cui piaceva firmare la propria produzione western col suo vero nome. Ai disegni c’è Christian Rossi.

Lumberjanes vol. 1 – Guardatevi dal sacro micio (Bao Publishing). Momento pigrizia: quest’estate il nostro Valerio Stivè ci ha parlato di questa bella serie creata da tre giovanissime autrici e pubblicata in USA da Boom! Studios, editore che punta moltissimo sul fumetto per ragazzi. Quindi non spreco parole e vi rimando al suo articolo. Siete pigri anche voi e non volete leggere ma solo guardare? Tranquilli, c’è la nostra preziosa anteprima (di 15 pagine!).

Dall’estero:

girlfiend

Girlfiend (Dark Horse). Settimana piuttosto loffia per quanto riguarda le uscite estere. Questo Girlfiend è il nuovo progetto dei due artisti e registi Jacob e Arnold Pander, già disegnatori di alcune storie di Grendel durante gli anni ’80 e autori di alcuni lavori per la DC Comics (Batman: City of Light e Accelerate per l’etichetta Vertigo). È un fumetto di genere crime con protagonisti una vampira e il suo fidanzato, di più non so dirvi.