Nello studio di Lorenzo Palloni

di Stefania Nebularina

Questa settimana, per la rubrica #tavolidadisegno, siamo stati ad Arezzo, nello studio di Lorenzo Palloni. Fondatore e membro del collettivo Mammaiuto, ha scritto e disegnato il webcomic Mooned e tra i suoi ultimi lavori come sceneggiatore c’è The Corner, edito in Francia per Editions Sarbacane. Come al solito abbiamo fatto 5 domande e scattato diverse foto.

lorenzo palloni

lorenzo palloni

Quali sono i progetti a cui stai lavorando attualmente?

Sto concludendo L’Île, libro che uscirà in Francia a settembre per Editions Sarbacane; sto disegnando Esatto, una nuova serie per Mammaiuto, e scrivendo una sceneggiatura per Dario Grillotti sotto la supervisione della Nuke, oltre alla storia breve per il primo antologico di Mammaiuto in uscita a Lucca. Nel tempo libero scrivo altre storie, in genere lavoro a cinque o sei progetti contemporaneamente.

lorenzo palloni

lorenzo palloni

Quali sono gli strumenti che usi per disegnare?

Dipende dalla storia. Io sono fra quelli che credono che ogni racconto abbia il suo segno, una sua identità: teoria perdente dal punto di vista del marketing perché, forse, non avrò mai un segno davvero riconoscibile, ma che ci posso fare. Ad esempio: per L’Île ho utilizzato pennelli Windsor & Newton e acquerelli; per Esatto sto usando pennarelli Uni e tratto Marker grossi; per Colpo di Coda (una storia breve scritta da Antonio Solinas che uscirà sul volume di Passenger Press Amazzoni) ho usato un unico penna-pennello. Dipende anche dalla dimensione della tavola, e dal tempo che ho a disposizione. L’unica cosa che non manca mai in post-produzione è Photoshop.

lorenzo palloni

lorenzo palloni

C’è qualche forma di abitudine che ami predisporre prima di metterti a disegnare? Hai degli orari particolari in cui ti metti al lavoro?

Sono molto abitudinario, ho orari rigidi. Sveglia alle 7, al tavolo alle 8, a mezzogiorno a correre, alle 14 riprendo e stacco alle 19 (sembrano orari radiofonici perché lo sono, la radio mi fa molta compagnia, scandisce la mia giornata). Dopo cena di solito scrivo, è meno stancante che disegnare. Cinque anni fa disegnavo fino all’1, alle 2 di notte. Sto invecchiando.

lorenzo palloni

lorenzo palloni

Quali sono i tuoi autori di riferimento? Ci sono testi che devono essere a portata di mano mentre disegni?

Oltre a qualche libro di anatomia e i libri di McCloud, le tre M (Mazzucchelli, Mignola, Miller) mi sono sempre bastate e avanzate; ma accanto al tavolo tengo sempre qualcosa di Tim Sale, Manuele Fior, Paul Grist, Chester Brown, e Darwyn Cooke, e a volte mi riguardo From Hell. Però Città di Vetro, La saga di Elektra e l’ultimo Hellboy sono sempre lì a darmi coraggio, e io ogni tanto li ricambio accarezzandoli con affetto.

lorenzo palloni

lorenzo palloni

Ho notato che tieni particolare riguardo per questo orologio, puoi raccontarci qualcosa? 

Ho una vera ossessione per il tempo, e che da quando avevo cinque anni ho sempre portato un orologio al polso. Per sempre intendo letteralmente sempre, anche sotto la doccia. Questo orologio in particolare lo indossavo a venticinque anni, quando mio padre si è sentito male: è entrato in terapia intensiva e non si sapeva come e se ne sarebbe uscito (dopo qualche mese ne è uscito, ora sta meglio). Una sera, di ritorno dall’ospedale, mi sono tolto l’orologio e non me lo sono più messo. Non so perché, giuro. Non è per dare una sfumatura di mistero al racconto: non so proprio perché l’ho fatto, né so perché ho la certezza che non metterò mai più un orologio in vita mia. So che c’entra con il tempo, tutto qui.