News No, Charlie Hebdo non smetterà di disegnare Maometto

No, Charlie Hebdo non smetterà di disegnare Maometto

La redazione di Charlie Hebdo ha voluto specificare che l’intenzione del giornale di smettere di pubblicare caricature di Maometto, riportata dai media nei giorni scorsi, è inesatta. L’equivoco nasce dalla pubblicazione di un’intervista al direttore Laurent Sourisseau sul magazine tedesco Stern, che avrebbe mal interpretato le sue parole, riportando un affermazione ben diversa e lontana dalla verità. La notizia è poi stata ripresa dai principali giornali di lingua inglese – il Telegraph o il Washington Postad esempio – che l’hanno diffusa su scala internazionale. La redazione di Charlie Hebdo è dovuta intervenire per rettificare, quando ieri, anche il quotidiano nazionale Le Figaro ha riportato la notizia in modo sbagliato.

Nel comunicato diffuso dalla rivista satirica si legge:

Dopo la pubblicazione di questo articolo, lo staff editoriale di Charlie Hebdo ha contattato i media francesi per comunicare che le parole di Sourisseau sono state mal interpretate dalla rivista tedesca. Il direttore di Charlie non è mai stato intenzionato a smettere di disegnare il personaggio di Maometto, per cui la notizia non sussiste.

Sourisseau avrebbe semplicemente detto che Maometto non sarebbe più stato «un’ossessione per Charlie».

Seguici sui social

53,878FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,173FollowerSegui

Ultimi articoli

Il trailer della serie “Ghost in The Shell: SAC_2045” di Netflix

Netflix ha diffuso il trailer di Ghost in The Shell: SAC_2045, la nuova serie animata basata sul manga Ghost in the Shell di Masamune Shirow.
raymond pettibon

Raymond Pettibon, tra arte e fumetto

Dalle fanzine punk alle pareti del MoMA, come Raymond Pettibon ha conquistato l'arte contemporanea passando attraverso il fumetto.

“Diario di Hanako”, la tragedia dell’Olocausto e il sogno di una riconciliazione

"Diario di Hanako" di Machiko Kyō è ambientato in un passato alternativo dove forze estremiste replicano l'Olocausto nei confronti dei giapponesi.