Le prime 9 pagine de “Le Variazioni d’Orsay” di Manuele Fior

Il primo ottobre esce in libreria e fumetteria Le Variazioni d’Orsay, il nuovo graphic novel di Manuele Fior pubblicato da Coconino Press. Di seguito, in anteprima, mostriamo le prime 9 tavole.

manuele fior variazioni orsay
manuele fior variazioni orsay
manuele fior variazioni orsay
manuele fior variazioni orsay
fiororsay04
manuele fior variazioni orsay
manuele fior variazioni orsay
manuele fior variazioni orsay
manuele fior variazioni orsay
manuele fior variazioni orsay

Il fumetto, sviluppato per l’editore francese Futuropolis, è realizzato in collaborazione con il Museo d’Orsay di Parigi. «Quando mi hanno proposto il progetto, ho subito accettato: questo è, per me, il museo più bello di Parigi». Ci raccontava Fior nel febbraio 2014, durante le prime fasi di concepimento dell’opera. «Il periodo storico su cui si concentra – una trentina d’anni a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento – è quello che mi ritrovo più spesso a guardare e copiare. Passo quindi delle mattinate o pomeriggi vagando per le collezioni, fantastico, poi torno a casa, e improvviso».

Costruito in occasione dell’Esposizione Universale del 1900, e adibito a stazione, oggi il Musée d’Orsay di Parigi è uno dei musei più importanti d’Europa. Nelle sue stanze e lungo i suoi corridoi sono esposti alcuni tra i più significativi capolavori dell’impressionismo e del post-impressionismo.

Ne Le Variazioni d’Orsay Manuele Fior, autore dei graphic novel Cinquemila chilometri al secondo e L’intervista, ci guida tra le sale del museo parigino in un viaggio onirico tra passato e presente. Un affresco corale, ricco di aneddoti, in cui varie voci si passano il testimone. Artisti, visitatori, custodi e creature immaginarie entrano ed escono dalle sale, in storie incasellate l’una nell’altra. Un’intreccio di racconti che si svolgono a cavallo del XIX e XXI secolo e che ha come sfondo le pareti del museo.

«C’è molto degli impressionisti, soprattutto Degas, un personaggio controverso, poco politicamente corretto. L’ho usato come snodo, come filo rosso tra altri aneddoti e storie, di artisti a lui contemporanei ma anche di personaggi che non hanno niente a che vedere», ha raccontato Fior all’Ansa. «Un esercizio di stile sulla narrazione, e anche una serie di variazioni intorno al Musée d’Orsay, che è un museo importante ma anche un edificio dalla storia complessa. È stato stazione, parcheggio, circo, poi a un certo punto lo si voleva buttare giù, e alla fine è diventato quello che conosciamo oggi».

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.