Sono riaperte le votazioni per il Grand Prix di Angoulême

Dopo le polemiche e le proteste della scorsa settimana per l’assenza di donne nelle candidature al Grand Prix, che aveva portato alla cancellazione della stessa lista delle nomination, oggi l’organizzazione del festival di Angoulême ha riaperto le votazioni con una nuova formula. Al voto sono chiamati tutti gli autori di fumetto.

angouleme

La procedura di votazione per eleggere il vincitore del Grand Prix 2016 sarà in due parti. Il primo voto va espresso entro il 17 gennaio tramite l’apposita procedura online. Possono votare gli autori di fumetto pubblicati in lingua francofona e accreditati dagli editori. Non è ancora stato comunicato, però, come si procederà alla votazione finale.

Secondo Livres Hebdo, principale periodico francese specializzato in editoria – e come avevamo già riportatoprobabilmente la designazione del vincitore avverrà in due turni. Dalla prima votazione libera degli autori verrà stilata una lista ristretta di candidati composta da 3 nominativi. In seguito, a partire da queste tre candidature, gli autori procederanno a una seconda votazione per eleggere il vincitore del Grand Prix. Si attendono comunque maggiori informazioni nei prossimi giorni.

Gli autori sono invitati a votare liberamente (non in ordine di preferenza) 3 fumettisti/e di loro scelta. Non sono votabili fumettisti deceduti e quelli che hanno già ricevuto il premio durante le edizioni precedenti, compresi i vincitori dei premi speciali consegnati in occasione dell’anniversario della manifestazione come Claire Bretécher (Gran Premio del 10° anniversario) o Akira Toriyama (Gran Premio del 40° anniversario).

Il Grand Prix de la ville d’Angoulême, va ricordato, è uno dei più attesi e prestigiosi fra i riconoscimenti attribuiti dal festival francese, ma non riguarda opere a fumetti pubblicate nell’anno di elezione. Si tratta, infatti, di un premio alla carriera. Un riconoscimento che costituisce una vera e propria consacrazione degli autori più significativi del panorama francobelga, con uno sguardo internazionale.