Gli editori francesi minacciano di boicottare il festival di Angoulême

Come se non fossero bastate le proteste affrontate dal festival della bande dessinée di Angoulême prima e durante l’ultima edizione – tra polemiche contro il presunto maschilismo dei premi o insoddisfazione per come era stato gestito lo spettacolo della premiazione – la scia dei dissensi non sembra ancora essersi placata.

Leggi anche: Angoulême 2016: tutti i premi assegnati (c’è anche un fumetto italiano)

angouleme
Nelle ultime ore, 41 editori francesi si sono mobilitati per richiedere, attraverso un comunicato congiunto, che la manifestazione intraprenda profondi cambiamenti nella struttura, nella governance e in tutta la sua strategia e organizzazione. Se ciò non avverrà, le case editrici minacciano di non prendere parte alla prossima edizione del festival. Tra i firmatari compaiono i principali editori del mercato d’Oltralpe, tra cui: SNE, Casterman, Dargaud, Delcourt, Denoël, Fluid Glacial, Futuropolis, Gallimard, Glénat, Jungle, Le Lombard, Panini, Rue de Sèvres, Sarbacane.

L’intero settore è chiaramente intenzionato a non subire danni di immagine simili a quelli affrontati quest’anno. Il comunicato degli editori denuncia infatti una “mancanza di strategia condivisa” e di “governance efficace”, denunciando esplicitamente il fatto che il festival nell’ultima edizione ha finito per “gettare discredito sulla professione [editoriale] di fronte al mondo intero”.