Focus Superman ti presento Batman: il primo incontro

Superman ti presento Batman: il primo incontro

In questi giorni i fan della DC Comics sono concentrati quasi esclusivamente su Batman v Superman: Dawn of Justice, con il primo incontro sul grande schermo dei due supereroi più classici della storia del fumetto. Nei fumetti, quella degli incontri/scontri tra l’Uomo d’Acciaio e il Cavaliere Oscuro è invece ormai una tradizione consolidata. Fin dalla nascita del genere supereroistico, infatti, le case editrici hanno stuzzicato la fantasia dei lettori proponendo team-up tra i propri personaggi, dando soprattutto vita a super-gruppi come la Justice Society of America nel 1940.

Nonostante si fossero affermati subito come le due icone principali della casa editrice, però, Superman e Batman dovettero aspettare il giugno 1952 per il loro primo incontro, sul numero 76 di Superman, in un racconto significativamente intitolato “The Mightiest Team in the World” (“La squadra più potente del mondo”, nell’edizione italiana).

Leggi anche: La strana storia del ‘Batman Arcobaleno’, dal fumetto alle action figure

superman76-0

La storia – sceneggiata da Edmond Hamilton e disegnata dal classico disegnatore di Superman Curt Swan, con copertina di Win Mortimer – vede Clark Kent e Bruce Wayne incontrarsi in territorio neutro, su una nave da crociera, e addirittura condividere la stessa cabina. Quando sulla nave scoppia un incendio, entrambi hanno la stessa idea e propongono di spegnere le luci per mettersi a dormire, in modo da poter adottare le proprie identità supereroiche di nascosto dall’altro. Ovviamente, però, una volta cambiatisi in Superman e Batman, tutti i segreti cadono, e così, fin dal loro primo incontro, i due eroi vengono a conoscenza delle loro identità segrete.

Nel proseguo della storia, come prevedibile, i due personaggi si alleano, sconfiggono i criminali di turno e salvano Lois Lane, stringendo un’alleanza quasi permanente che arriverà fino ai giorni nostri e oltre – considerando le storie ambientate nel futuro –, tra svariati alti e bassi e l’esperienza comune nella Justice League of America.

superman76-1

Tra le curiosità di cui prendere nota, c’è quella legata alla testata World’s Finest Comics (inizialmente intitolata World’s Best Comics), che già dal 1941 presentava sulle proprie pagine sia Superman che Batman, ma in storie separate, anche se i due supereroi erano sempre accostati in copertina.

Fu solo sul numero 71 del luglio 1954 – con la storia “Batman: Double for Superman!” di Alvin Schwartz e Curt Swan – che i due iniziarono a interagire in modo regolare sulle pagine della testata. Nella storia, i due eroi si scambiano i costumi, l’uno prendendo l’identità dell’altro per spiazzare i criminali e proteggere le proprie identità segrete.

worldsfinest71

Come racconta anche il giornalista americano Brian Cronin nella rubrica “Comic Book Urban Legends Revealed” del portale CBR, la decisione di rendere Superman e Batman protagonisti congiunti di una serie di storie fu dovuta all’inflazione. Con l’aumento dei costi, DC Comics si trovò infatti a dover ridurre sempre di più il numero di pagine – e anche le dimensioni – di World’s Finest, dalle 100 iniziali fino a 36 a partire dal numero 68. A quel punto, però, non c’era più abbastanza spazio per una storia di Superman e una di Batman (oltre alle brevi storie di contorno), così la casa editrice decise di riunire i due eroi in un’unica storia.

worldsfinest71-1

Il nome della testata – “World’s Finest”, ovvero “i migliori al mondo” – rimase attaccato in modo indissolubile al duo di eroi, tanto da essere ripreso numerose volte negli anni successivi alla sua chiusura, come nel caso dell’omonima miniserie del 1994 scritta da Dave Gibbons e disegnata da Steve Rude e Karl Kesel. Ma gli incontri tra i due, nei fumetti, sono ormai diventati la norma. Chissà se dopo il successo di Batman v Superman, che ha superato i 500 milioni di dollari di incasso in tutto il mondo nella sola prima settimana di programmazione, il team-up tra i due non diverrà una consuetudine anche al cinema.

Seguici sui social

49,567FansMi piace
1,505FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,671FollowerSegui

Ultimi articoli

tra mille richiami superficiali e nessuna profondità sostanziale

“Kokoro”, Igort nel cuore del Giappone

"Kokoro" di Igort è un viaggio in Giappone fatto di immagini frammentate e idee raccolte dall'autore quando ci ha vissuto o durante le sue riflessioni.
ryu delle caverne ishinomori manga jpop

Radar. 12 fumetti da non perdere usciti questa settimana

Una selezione di alcuni dei fumetti pubblicati in settimana, che secondo noi meritano la vostra attenzione. Per preparare un weekend di buone letture.

È morto il fumettista Alberico Motta

È morto oggi all’età di 81 anni Alberico Motta, storico autore umoristico italiano, noto soprattutto per la sua collaborazione con l’editore Bianconi.