Un migrante detenuto ha vinto un premio internazionale per vignettisti

Un vignettista iraniano prigioniero nell’Isola di Manus (centro di detenzione australiano per clandestini) ha vinto un premio internazionale per vignettisti, in riconoscimento del suo coraggio.

Mr Eaten Fish – questo il nome d’arte di Ali Dorani – è detenuto di un centro di identificazione da oltre tre anni; ha venticinque anni, soffre di disordine ossessivo compulsivo, e nel centro ha subito più volte violenze. Con i suoi fumetti racconta la sua vita di rifugiato e prigioniero, usando un segno tanto asciutto quanto cartoonesco, col quale sottolinea il suo costante disagio e le quotidiane contraddizioni di cui è vittima.

Leggi anche: Sta per essere liberata la vignettista iraniana che rischiava oltre 10 anni di carcere

mreatenfish
Un autoritratto di Mr Eaten fish

Ali ha ricevuto un riconoscimento dal Cartoonist Rights Network International (CRNI), per il merito di essersi spinto col suo lavoro «oltre il velo di segretezza e di silenzio e i muri delle recinzioni in un modo che sa avere solo un artista di talento che parla dall’interno […] Eaten Fish è stato in grado di produrre una quantità di vignette che hanno documentato gli innominabili abusi ed eccessi delle guardi e degli amministratori del campo. E proprio per questo, è stato oggetto di pestaggi, privazioni del cibo, e addirittura, un trattamento umiliante da parte delle guardie».

Leggi anche: H.R. Vassaf: raccontare l’Iran, a fumetti [Intervista]
mreatenfish2

Il Cartoonist Rights Network International è una associazione internazionale umanitaria con un network che riunisce oltre 600 illustratori. Il suo lavoro supporta e difende fumettisti che hanno a che fare con censura, intimidazioni, la prigionia e violenze.

Sul Guardian, un fumettista australiano, First Dog on the Moon, aveva raccontato la storia di Mr Eaten Fish, il suo fumetto si può leggere a questo link.