Rubriche Sunday page Sunday Page: Manuele Fior

Sunday Page: Manuele Fior

Ogni settimana su Sunday Page un autore ci spiega una tavola a cui è particolarmente legato o che lo ha colpito per motivi tecnici, artistici o emotivi. Le coversazioni possono divagare nelle acque aperte del fumetto, ma parte tutto dalla stessa domanda: «Se ora ti chiedessi di indicare una pagina che ami di un fumetto, quale sceglieresti e perché?».

Si parte con uno dei nomi più importanti del fumetto italiano, Manuele Fior, autore di Cinquemila chilometri al secondo, L’intervista, Le variazioni d’Orsay e illustratore a tutto campo (The New Yorker, Le Monde, Vanity Fair, La Repubblica).

uncannyxmenkitty
“Il club infernale”, da ‘Uncanny X-Men’ #129 (in Italia ‘L’Uomo Ragno’ n. 11)

Ho letto questa pagina per la prima volta nelle edizioni Star Comics, le storie degli X-Men erano in appendice al quindicinale dell’Uomo Ragno. È il mio periodo preferito dei mutanti, quello scritto da Claremont, con Byrne alle matite e Austin alle chine. In realtà anche quello successivo di Paul Smith lo trovo bellissimo, ma la saga di Proteus o quella della Fenice Nera sono quelle che mi hanno più segnato.

Ecco, dopo Paul Smith è arrivato John Romita Jr, che è un po’ il mio beniamino d’infanzia. Ai fan dell’epoca piacque poco, a te piaceva?

Se mi ricordo bene è il periodo in cui Tempesta si veste da punk, anche Rogue è molto ben caratterizzata. Che dire, quegli X-Men insieme al Daredevil scritto da Ann Nocenti sono secondo me le prove più riuscite di Romita JR, segnano la definitiva emancipazione del padre. Il suo tratto si fa unico e molto riconoscibile, con quel tratteggio orizzontale che tutti gli inchiostratori rispettano, preferendolo alla campitura a pennello. Uno su tutti Al Williamson. C’è anche una maniera molto personale di tagliare i volti, gli sguardi affilati torneranno più tardi in Silvestri, che penso che l’abbia apprezzato molto. Com’è consueto in quell’ambiente, la scoperta si fa presto idiosincrasia e tutte queste belle trovate grafiche verranno riproposte nei suoi lavori seguenti in maniera più piatta e stanca, fino al segno di Kick-Ass, che è già la maniera di se stesso.

Sento che potremmo dirottare la conversazione solo su quest’argomento, per cui torno a bomba per chiederti: come mai proprio questa pagina?

Ci sono queste due vignette in alto, in cui Ororo e Kitty si guardano con gli occhi sgranati, mi colpirono da subito. Kitty è eccitatissima e curiosa, Ororo ricorda l’entusiasmo adolescenziale in lei ormai scomparso: ti potrà sembrare ridicolo ma all’epoca lo consideravo come un bellissimo momento di introspezione psicologica in un fumetto di supereroi.

Il personaggio di Kitty è molto riuscito, negli episodi a seguire svilupperà tutte le sue potenzialità di ragazzina-eroe per caso, insofferente, volubile e leggera come il suo potere mutante, che le permette di passare attraverso alle cose. Penso che nella mia Dora [personaggio de L’intervista Ndr] ci siano diverse tracce di quelle letture (più di venticinque anni fa).

Kitty Pryde è stata tanti personaggi diversi, però mi sembra che la sua incarnazione migliore sia stata questa. Whedon guardava a Claremont, Byrne e Smith quando scriveva Astonishing X-Men. Secondo te cosa la rendeva/rende un bel personaggio?

Penso che molto sia dovuto alla semplice identificazione col lettore, quando leggi quei fumetti hai più o meno la sua età, vai a scuola, litighi coi genitori, e speri sempre che dietro un violento mal di testa (io ne avevo molti all’epoca) si nasconda la capacità di attraversare il solaio e cascare nel soggiorno. Attorno a lei c’è una cappa rassicurante di “normalità” che rende le sue avventure più coinvolgenti. Penso che sia un leitmotiv molto anni Ottanta, modellato sull’estetica spielberghiana del familiare/rassicurante che si affaccia al soprannaturale. Pensa solo a un film come Poltergeist, anche lì ci sono tanti attraversamenti di muri e televisori, per una famiglia americana ordinaria. La scena in cui una delegazione di X-Men in borghese fa visita ai genitori di Kitty per parlare in privato del suo futuro, è allo stesso tempo banale come un ricevimento dai professori ed eccitante, perché si sa che quella normalità è destinata a durare poco e a portare Kitty chissà dove.

È un numero bomba perché ci debuttano, oltre a Kitty, tanti personaggi di spicco, tra cui (la memorabile) Emma Frost, che è un po’ il suo opposto sotto certi aspetti. Hai seguito gli X-Men con continuità anche dopo?

Li ho letti fino all’uscita della nuova testata X-Men, quella con Jim Lee alle matite e di nuovo Claremont alle storie. Lee però aveva già cominciato a stufarmi, preferisco uno più spigoloso come Mark Silvestri. In ogni caso sì, è un super numero, c’è il riassestamento del gruppo, tutta la parabola della morte di Fenice la trovo ben fatta, considerando i limiti stretti in cui potevano muoversi gli autori. È anche il miglior John Byrne di sempre, con i suoi stilemi che non sono ancora diventati ossessivi e gli permettono di sperimentare, specialmente sulle architetture e le atmosfere. Mi ricordo che aveva una cura particolare sui vestiti, il completo da texano di Wolverine, i pantaloni a zampa di Kitty e un cardigan addosso a Lorna che per me rappresentava il modello di disegno realistico. La collaborazione con Terry Austin è ormai rodata, le chine hanno un’eleganza che trovo ancora oggi rara. Emma Frost era una figa pazzesca.

Seguici sui social

53,244FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,944FollowerSegui

Ultimi articoli

codice creature estinte

Il codice delle creature estinte

Il codice delle creature estinte la biografia di un chirurgo immaginario di fine dell'Ottocento e la raccolta dei suoi studi sulle creature fantastiche.
lucha y siesta asta disegni

I disegni di Zerocalcare, Altan, LRNZ, ZUZU e altri all’asta per Lucha y Siesta

Domenica 15 dicembre alle 21, presso il Teatro India a Roma, più di 40 disegni di fumettisti saranno messi all’asta per supportare Lucha y Siesta.
strange academy fumetto marvel

“Strange Academy”, il nuovo fumetto Marvel di Skottie Young e Humberto Ramos

A partire da marzo, Marvel Comics pubblicherà la nuova serie "Strange Academy", spin-off del Doctor Strange in stile Harry Potter.