Rubriche Sunday page Sunday Page: John Martz

Sunday Page: John Martz

*English text

Ogni settimana su Sunday Page un autore o un critico ci spiega una tavola a cui è particolarmente legato o che lo ha colpito per motivi tecnici, artistici o emotivi. Le coversazioni possono divagare nelle acque aperte del fumetto, ma parte tutto dalla stessa domanda: «Se ti chiedessi di indicare una pagina che ami di un fumetto, quale sceglieresti e perché?».

John Martz, grafico e fumettista canadese, è autore di Destination X e A Cat Named Tim and Other Stories (nominato agli Eisner Awards). Le sue illustrazioni sono apparse su MAD Magazine, Slate, The Nib e The Washington Post. Il suo ultimo lavoro, uscito per i tipi di Koyama Press, è Burt’s Way Home.

Jimmy Corrigan - Chris Ware

Il mio interesse per i fumetti iniziò con le strisce che leggevo sui giornali. Fu soltanto quando finii la scuola e traslocai che scoprii i graphic novel e i fumetti letterari. Jimmy Corrigan uscì l’hanno che mi trasferii a Toronto e mi cambiò la vita per come mi fece ripensare alle possibilità espressive dei fumetti. Ho il ricordo vivido di me che leggo questa pagina per la prima volta e la studio.

È vero, però, che questa pagina non rappresenta ciò che ci immaginiamo essere una “pagina di Chris Ware”. Non ci sono impaginazioni complesse o diagrammi e non c’è dialogo. Ma è una piccola gag perfetta, una sequenza uno-due: succeda questa cosa nella prima vignetta, succede quest’altra nella seconda. Gioca con le nostre aspettative di lettori. Il piccolo Superman nell’angolo superiore sinistro si sta preparando a volare. Conosciamo i supereroi e riconosciamo il costume e il mantello. Il suo linguaggio del corpo rinforza le nostre aspettative – è pronto a prendere il volo.

Quello che trovo interessante dei fumetti è che ci permettono di vedere momenti temporali diversi allo stesso tempo. Anche se guardiamo la prima vignetta e basta, non possiamo fare a meno di notare la tavola intera e il fatto che la seconda vignetta sarà quasi identica alla prima. Pensiamo che Superman avrà preso il volo nel passaggio successivo e un’occhiata veloce ci mostra che la macchia gialla di cielo che incorniciava Superman nella prima vignetta in effetti è vuota in quella dopo. Ma allora perché l’inquadratura non si è spostata in alto per seguire il suo volo? È allora che buttiamo l’occhio in bacco per scoprire che si è schiantato al suolo. Superman è anche l’unico punto di colore in una scelta altrimenti monocromatica, proprio per fare in modo che non ci sfugga di vista. È una piccolissima scena, costruita in due momenti. Il finale è allo stesso tempo sorprendente e inevitabile. Usa la modalità di lettura dei fumetti da sinistra a destra e dall’alto al basso per giocare con il lettore e l’esito è sia tragico che profondamente buffo.

Quella macchia di cielo giallo è un po’ il cuore della composizione, immersa com’è tra il nero degli edifici.

E la ripetizione della vignette e l’impatto della gag (gioco di parole non voluto) serve a rinforzare l’immagine nelle nostre menti. La scena verrà ripresa più avanti nell’opera; l’inquadratura è identica, ma l’anno è il 1892. La gente è vestita secondo la moda, c’è un calesse trainato da un cavallo, ma si riconoscono gli stessi edifici. Sono coperti da striscioni rossi bianchi e blu per via dell’Esposizione Mondiale di Chicago. Nella parte alta, in quello spazio negativo tra i due palazzi, è appesa una bandiera che assomiglia quasi a un mantello. La reazione composta della folla aggiunge umorismo. Col progredire delle pagine, il corpo di Superman è lasciato lì nella pioggia.

Quando hai scoperto Jimmy Corrigan?

Mi sono trasferito a Toronto nel 2000, lo stesso anno in cui è stato pubblicato il fumetto. Ho speso un sacco di tempo nelle librerie (nel 2000 erano ovunque). C’era questa grande catena di librerie e all’epoca non esistevano le sezione dei fumetti come adesso. Non conoscevo il lavoro di Chris Ware quindi fu ancora più emozionante trovare questo libro sullo scaffale insieme ad altri romanzi e libri di narrativa. Non avevo mai visto niente del genere.

*English version in the next page.

Seguici sui social

50,075FansMi piace
1,554FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,909FollowerSegui

Ultimi articoli

top 10 alan moore

“Top 10”, il poliziesco seriale secondo Alan Moore

Vent'anni fa esordiva negli Stati Uniti "Top 10", il fumetto poliziesco con supereroi di Alan Moore e Gene Ha (con l'aiuto di Zander Cannon).
avengers endgame contenuti inediti

I contenuti inediti della nuova versione di “Avengers: Endgame”

Marvel ha comunicato i contenuti extra che saranno presenti nella versione di Avengers: Endgame che sarà ridistribuita nei cinema statunitensi.
franco matticchio mostra donne

Una mostra di Franco Matticchio, a Brescia

Dal 13 luglio al 6 ottobre si terrà a San Felice del Benaco (BS) una mostra dedicata al fumettista e illustratore Franco Matticchio.