Focus I robot di Ghost in the Shell esistono, e fanno i commessi

I robot di Ghost in the Shell esistono, e fanno i commessi

Due anni fa il Ghost in the Shell Realize Project nacque con l’obiettivo di ricreare nella realtà vari aspetti del mondo di Ghost in the Shell (il manga di Masamune Shirow, che di recente ha ispirato un atteso live action).

tachikoma1
Leggi anche: Il trailer del live action di Ghost in the Shell

tachikoma4
Il progetto più recente intrapreso dal gruppo di ricercatori ha avuto l’obiettivo di produrre il robot Tachikoma alla metà delle dimensioni rispetto a come appariva nel manga. Il 22 dicembre è stato mostrato il frutto del lavoro, che ha in tutto e per tutto l’aspetto del buffo droide simile a un ragno apparso creato da Shirow.

Leggi anche: Un crowdfunding per spedire la lancia di Longinus di Evangelion sulla Luna

tachikoma3
Il Tachikoma prodotto è progettato per essere usato col ruolo di customer service negli I.G. Store (negozi specializzati in merchandise relativo ai prodotti dello studio di animazione Production I.G.), accogliendo clienti e porgendo loro i prodotti, controllati tramite una app apposita. La vita del robot sarà dunque ben diversa da quella che per lui aveva pensato Masamune Shirow, che tra le pagine di Ghost in the Shell lo mostrava intento nel ruolo di supporto alla polizia, ma per i fan del manga e dell’anime sarà comunque emozionante vederlo “in azione”.

Leggi anche: The Art of Ghost in the Shell

tachikoma2

Seguici sui social

51,057FansMi piace
1,632FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,204FollowerSegui

Ultimi articoli

tintin edward hopper

Tintin come in quadri di Edward Hopper

Il pittore francese Xavier Marabout è autore di una serie di quadri che ritraggono Tintin in situazioni e scenari che tipici del pittore Edward Hopper.

I supereroi americani in dipinti cinesi

L’illustratore cinese Jacky Tsai è autore di illustrazioni nella quali immagina i supereroi americani all’interno di dipinti tradizionali cinesi.

Le locandine immaginarie di “Millennium Actress” di Satoshi Kon

"Millennium Actress" raccontava di una attrice protagonista di film (immaginari) di cui Satoshi Kon aveva realizzato delle splendide locandine.