La nuova identità del festival BilbOlBul (e le date della prossima edizione)

Dopo la sua decima edizione dello scorso novembre, BilBOlBul. Festival internazionale di fumetto di Bologna si rinnova e cambia pelle. Hamelin, l’associazione culturale organizzatrice della manifestazione, ha annunciato in un comunicato stampa di voler trasformare il festival in «un soggetto operante tutto l’anno con progetti variabili per natura e pubblico di riferimento».

Leggi anche: L’idea di un festival e le sue conseguenze

bilbolbul 2017

Il nucleo principale delle attività rimarrà comunque concentrato durante la manifestazione principale, che si terrà come negli ultimi anni durante il mese di novembre, ma ci saranno attività che copriranno tutto l’anno: «più che alla pura programmazione di un singolo evento, pensiamo allo sviluppo di progetti, che saranno aperti all’interazione con altre realtà italiane e internazionali e potranno avere o uno sbocco a novembre, distribuendosi nell’arco dell’anno e sviluppandosi per il tempo che sarà necessario».

La nuova edizione di BilbOlBul si terrà nei giorni 24, 25 e 26 novembre 2017, con una proposta limitata rispetto alle manifestazioni precedenti, per la volontà di concentrare i singoli eventi, espandendo «il programma prima e dopo queste date, nella forma di mostre, residenze e produzioni d’artista, momenti di formazione per giovani artisti o rivolti a un pubblico di bambini e ragazzi, sempre con l’ottica di far conoscere opere o autori ancora poco noti o di rivelare lati nascosti di quelli già pienamente affermati».

Inoltre, ogni mese a partire da luglio, sul sito del festival sarà inaugurata la rubrica BBBConsiglia. Con questa sigla la manifestazione aveva già collaborato con diverse librerie in tutta Italia, segnalando alcuni titoli ritenuti significativi attraverso piccole recensioni segnalibro. BBBconsiglia, quindi, si amplierà, diventando occasione per un approfondimento di contenuti visibili sul sito: «si sceglierà un’opera ogni mese e su questa si raccoglieranno commenti, analisi, interviste, prolungamenti bibliografici, con il desiderio – quando possibile – di supportare le presentazioni con l’autore nelle librerie che aderiscono al progetto».