News Lo speciale a fumetti del New York Times

Lo speciale a fumetti del New York Times

Ogni anno il New York Times dedica un numero del suo magazine settimanale alla città di New York. Quest’anno, per la prima volta, il numero speciale è interamente a fumetti. Tutto, dalla copertina ai giochi, dalla numerazione della pagine alla lista degli articolisti, è stato realizzato a mano o con font basati sulla scrittura degli autori che hanno partecipato al progetto.

new york times magazine comics

Sono state inoltre prodotte dodici storie a fumetti basate su articoli del quotidiano pubblicati nella sezione Metro, che si occupa strettamente di news e reportage sulla città di New York. I fumetti sono stati realizzati da Kevin Huizenga, Bill Bragg, Robert G Fresson, Tillie Walden, Wesley Allsbrook, Sammy Harkham, KL Ricks, Andrew Rae, Francesco Francavilla, David Mazzucchelli, Tom Gauld e Bianca Bagnarelli.

In un’intervisa a It’s Nice That, l’editor-in-chief del New York Times Magazine Jake Silverstein ha raccontato che il progetto è iniziato circa un anno fa: «non sapevamo fin dall’inizio che avremmo usato storie della sezione cittadina Metro, sapevamo solo che volevamo fare un intero numero utilizzando illustratori e fumettisti, senza articoli scritti».

new york times magazine fumetti
Bianca Bagnarelli

In seguito, le storie sono state scelte tra una selezione fatta dai lettori, a cui è stato chiesto di indicare i loro articoli preferiti pubblicati sulla rivista negli ultimi 15 anni. I fumetti sono incentrati principalmente sulla vita quotidiana della metropoli e sui suoi abitanti ha aggiunto Silverstein. Gli autori sono stati piuttosto liberi di adattare gli articoli: «in pratica hanno compreso che dovevano essere in grado di impiegare un po’ di licenze artistiche per un fumetto che fosse efficace fuori dal contesto, ma sapevano anche di dover restare fedeli all’originale, usando citazioni dove possibile, per rendere il racconto uno specchio genuino della storia».

Secondo Silverstain questo numero speciale serve anche per «dare una pausa ai lettori» dalle news riguardanti la politica e la situazione sociale che il paese sta affrontando, su cui il giornale si sta concentrando molto sin dall’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca. «Ritorneremo a coprire l’attualità politica magari dalla prossima settimana, ma parte di quello che mi rende orgoglioso è che siamo una rivista di cultura generale: lo scorso fine settimana abbiamo pubblicato un articolo sulla situazione in Siria, che credo sia una delle migliori storie uscite sulla guerra siriana, un pezzo favoloso. Mentre la settimana seguente abbiamo un numero tutto a fumetti. Amo che la rivista possa oscillare tra argomenti come questi».

tom gauld new york times magazine fumetti
Tom Gauld

Il numero del New York Times Magazine è stato distribuito negli Stati Uniti domenica 4 giugno. Le storie a fumetti sono anche state pubblicate online e si possono leggere sul sito della rivista, accompagnate dai link agli articoli originali.

Seguici sui social

52,945FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,882FollowerSegui

Ultimi articoli

joker sequel

Potrebbero esserci nuovi film su Joker e altri cattivi di DC Comics

Todd Phillips potrebbe dirigire il sequel di Joker, e avrebbe l'idea di realizzare altri film incentrati sulle origini di altri cattivi DC Comics.
wonderland rai 4

La puntata di “Wonderland” dedicata a Lucca Comics 2019

La puntata di Wonderland, la trasmissione di Rai4 sul mondo della cultura pop e dell’intrattenimento, dedicata a Lucca Comics 2019, è ora online.
house of x 2

Guida agli X-Men di Hickman: “House of X” 2

Riassunto, annotazioni, riferimenti, influenze e particolari di "House of X" 2, albo del rilancio di Jonathan Hickman che cambia per sempre gli X-Men.