Recensioni Novità "Our Little Sister", la vita quotidiana nella provincia giapponese

“Our Little Sister”, la vita quotidiana nella provincia giapponese

Star Comics propone da aprile, mensilmente – una cadenza sempre più inusuale, nell’edizione di manga – questa serie catalogata come “seinen”, a giudicare dal bollino sul dorso dei volumi, ma più propriamente definibile come “josei”. Ovvero, un manga destinato a un pubblico adulto femminile. È la storia di tre sorelle – Sachi, Yoshino e Chika – che, dopo la morte del padre, lontano da casa da 15 anni, decidono di prendere a vivere con loro la sorellastra Suzu.

our little sister

Un soggetto tanto ordinario nasconde, in realtà, una storia ricca di sfaccettature, alimentata da un nutrito cast di protagonisti e comprimari. La maggiore delle sorelle, Sachi, ha un carattere forte ed è a tutti gli effetti il capofamiglia (le tre ragazze, abbandonate dalla madre pochi anni dopo il divorzio, sono cresciute con la nonna, in seguito venuta a mancare); fa l’infermiera ed è quella che più di tutte cova risentimento nei confronti della madre. Yoshino è la mediana, una ragazza dal carattere all’apparenza frivolo, molto amante dell’alcol e preda di uomini decisamente poco affidabili. Lavora in un credito cooperativo ed è la più indolente delle quattro. Chika è la terza figlia, diciannovenne pazzerella dalla pettinatura afro. Fa la commessa in un negozio ed è sempre allegra. Suzu è l’ultima arrivata, tredicenne e rimasta senza genitori. In seguito alla morte della madre il padre si era risposato; poco tempo dopo, tuttavia, anch’egli era venuto a mancare. Conosce le sorellastre al funerale di quest’ultimo e accetta subito quando la invitano a trasferirsi a vivere con loro.

Ciascuna delle sorelle ha un carattere molto ben delineato e, sebbene la vera protagonista sembri la piccola Suzu, l’autrice porta avanti quasi parallelamente le vicende di tutte e quattro. Il luogo in cui vivono gioca un ruolo essenziale nell’economia del racconto perché, trattandosi della piccola città di Kamakura (circa 50 km a sud di Tokyo, sul mare), spesso le linee narrative si incrociano, girando tutte attorno agli stessi ambienti e alle stesse persone. Troviamo quindi la scuola media di Suzu e i compagni della squadra di calcio in cui gioca, l’ospedale dove lavora Sachi, il negozio di Chika, il bar dove va a bere Yoshino, genitori, fratelli maggiori, fidanzati e colleghi, tutti a diverso titolo collegati alle protagoniste.

our little sister manga star comics

Inoltre, l’ambientazione “campagnola” della storia dà modo di addentrarsi nelle abitudini giapponesi, dai riti religiosi alle tradizioni alle usanze quotidiane. Il manga è dunque ricco di riferimenti culturali di vario tipo, dal cibo alla toponomastica, che richiedono un largo uso di note a piè di pagina. Perfino l’enorme casa in cui vivono le sorelle è un ambiente caratteristico delle zone rurali e l’autrice non lesina nemmeno i dettagli relativi a insetti tipici o vegetazione.

Yoshida è molto brava a calibrare i ruoli e intrecciare in diverso modo i fili del racconto, intessendo una vera e propria soap opera potenzialmente infinita (non a caso il titolo originale dell’opera è Umimachi Diary, ovvero “Diario di una città di mare”) e in grado di suscitare curiosità su come andranno le cose. Cosa accadrà? Quei due si lasceranno? E loro, invece, faranno pace? E lei cambierà lavoro? E lui partirà per sempre? Mentre le vicende si dipanano il sottotesto torna sovente sul dolore per le perdite subite, e l’elaborazione del lutto diventa un filo rosso che attraversa tutto il racconto.

A differenza dell’immaginario abituale dei manga per adolescenti, in un lavoro come questo il destino non è stabilito fin dalla prima pagina, non c’è una storia d’amore tormentata che inevitabilmente finirà bene, né un campionato da vincere che, of course, verrà vinto. Gli amori sbocciano e finiscono, le persone muoiono o subiscono incidenti, gli anni passano e i personaggi crescono. È questo che definisce un manga “per adulti” e sarebbe cosa buona se in Italia ne traducessimo di più, invece di raschiare il barile degli shonen e degli shojo.

our little sister manga star comics

Our little sister è una lettura certamente d’evasione ma tremendamente ipnotica, a tratti molto divertente (le sorelle non fanno che beccarsi e ironizzare l’una sull’altra) e a tratti impegnativa, date le tavole fitte di balloon. Non un fumetto da divorare in mezz’ora.

In Giappone al momento sono usciti otto volumi e la fine non è stata annunciata. Il manga è stato candidato a numerosi premi, conquistando l’Excellence Prize nella categoria manga del Japan Media Arts Festival nel 2007, del Manga Taisho Award nel 2013 e dello Shogakukan Manga Award nel 2015. Un palmarès non da tutti, insomma.

Cosa ancora più degna di nota, il celebre regista Hirokazu Kore-eda, conosciuto anche in Occidente grazie a diverse partecipazioni festivaliere (Torino, San Sebastian, Nantes), nel 2015 ne ha tratto un film, in concorso a Cannes, che ne restituisce le atmosfere con sorprendente fedeltà.

Our Little Sister voll. 1-2-3
di Akimi Yoshida
Traduzione di Asuka Ozumi
Star Comics, 2017
192 pagine, b/n
4,90 €

Seguici sui social

51,100FansMi piace
1,638FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,217FollowerSegui

Ultimi articoli

king thor marvel

Un po’ di pagine da “King Thor” #1

Marvel Comics ha diffuso un'anteprima di King Thor #1, primo albo dell'ultimo e conclusivo ciclo di storie di Thor scritto da Jason Aaron.
hugo awards

Il fumetto che ha vinto agli Hugo Awards 2019

Sono stati comunicati i vincitori degli Hugo Awards 2019, i più importanti riconoscimenti legati alla narrativa fantascientifica e fantasy di lingua inglese.
doc justice j-team marvel

Marvel annuncia un nuovo supergruppo

Marvel Comics ha annunciato il debutto di un nuovo supergruppo chiamato J-Team e capitanato da Doc Justice, di cui al momento si sa ancora poco.