La variant più variant della storia del fumetto

In occasione dell’esordio della nuova serie Quantum and Woody! – sceneggiata da Daniel Kibblesmith e disegnata da Kano –, a dicembre Valiant Entertainment proporrà una copertina alternativa definita “The Most Variant Cover of All Time”, ovvero qualcosa come “La cover più variant di sempre”.

In sostanza, la copertina conterrà tutte (o quasi) le possibili combinazioni di variant mai ideate. Ovvero, all’illustrazione base di Clayton Henry con i due protagonisti e la loro distintiva capra, si aggiungeranno una barra in cromo (in alto), il logo in rilievo e metallizato, sfondo con inchiostro cangiante (più altre parti metallizzate sparse), un quarto personaggio Valiant adesivo a scelta da appiccicarci sopra, il logo Valiant lenticolare e un angolo strappato a simboleggiare un “morso di capra”.

Quella delle variant è una moda tornata prepotentemente in auge in questi ultimi anni negli Stati Uniti per provare a correggere la caduta delle vendite, dopo che se ne era abusato negli anni Novanta (in quel caso per gonfiarle), e la Valiant ha voluto cavalcarla in maniera un po’ ironica e creativa.

Di seguito, la gif mostrata dalla casa editrice per provare a illustrare la copertina (da evitare se rischiate crisi epilettiche).

Leggi anche: Le variant cover: un’ossessione non solo americana

La variant sarà distribuita ai negozianti (statunitensi) che ordineranno un minimo di 250 copie di Quantum and Woody! #1, con un massimo di una copia per rivenditore.

«Ogni singola persona nell’azienda è stata coinvolta, in qualche modo. Ci abbiamo lavorato per circa tre anni», ha dichiarato Dinesh Shamdasani, direttore generale e creativo di Valiant. «Volevamo escogitare un modo per inserire quanti più trucchi possibili in una sola copertina e farlo in un modo che sembrasse cool nel modo più kitsch possibile».

Per realizzare questa copertina, Valiant si è rivolta a una tipografia di Montreal, in Canada, che ha stampato molte delle variant cover più particolari degli anni Novanta, tra cui quelle di WildC.A.T.S. #2, Doctor Strange #50 e Adventures of Superman #505. Per rendere il tutto il più “Nineties” possibile, sono stati persino utilizzati materiali avanzati nella realizzazione di quelle stesse copertine.