Mondi POP Cinema Un gruppo di destra vuole boicottare "Black Panther" su Rotten Tomatoes

Un gruppo di destra vuole boicottare “Black Panther” su Rotten Tomatoes

Black Panther, il nuovo film Marvel basato sull’omonimo personaggio creato da Stan Lee e Jack Kirby nel 1966, sta facendo parlare di sé per molte ragioni. In primis perché si tratta del primo lungometraggio dei Marvel Studios diretto da un regista nero e perché, di conseguenza, sta diventando il prodotto beniamino della comunità afroamericana.

Il sito per la vendita online di biglietti Fandango riporta che le prevendite sono le più alte mai registrate per un cinecomic, e le proiezioni di incasso promettono bene. Il marketing spontaneo che si è generato, dice inoltre Variety, è inedito per un film del genere.

Leggi anche: Pantera Nera, l’Africa e la questione identitaria

C’è qualcuno, però, che non sembra aver gradito tutta questa attenzione attorno alla pellicola. Un gruppo di utenti raccoltosi su Facebook sta infatti cercando di abbassare la percentuale di gradimento sul sito Rotten Tomatoes, il più popolare aggregatore di recensioni su internet.

Secondo l’Huffington Post il gruppo, che si fa chiamare “Down With Disney’s Treatment of Franchises and its Fanboys”, si è proclamato responsabile anche per la fredda accoglienza di pubblico registrata dal sito per Star Wars: Gli ultimi Jedi (48%, contro il 91% di gradimento da parte della critica), e si è attivato per fare lo stesso con Black Panther.

Il gruppo, di matrice alt-right, accusa Disney di aver inserito nell’ultimo episodio di Star Wars messaggi anti-mansplaining e che «i personaggi di Poe Dameron e Luke Skywalker corrono il rischio di vedersi trasformati in gay».

Inoltre, a muovere questa frangia di dissidenti sarebbe la volontà di riportare equilibrio nel responso critico dei film Marvel rispetto a quelli di DC Comics. Questi ultimi sarebbero infatti penalizzati dall’influenza di Disney, che corromperebbe una parte della critica per spingerla a scrivere recensioni positive dei propri film e negative di quelli DC.

Rotten Tomatoes ha commentato la questione rispondendo a TheWrap: «Siamo fieri di essere diventati una piattaforma su cui i fan possano discutere e dibattere appassionatamente di intrattenimento e accettiamo questa responsabilità con serietà. Rispettiamo tutte le opinioni ma non avvalliamo sentimenti di odio». Il sito ha dichiarato che la propria squadra di sicurezza è sempre al lavoro per cancellare il più velocemente possibile le azioni di questi troll.

black panther rotten tomatoes facebook screenshot
Uno screenshot, raccolto dal sito Marvel Studios News, mostra il messaggio che Facebook ha inviato a una persona aninima che ha effettuato la segnalazione del gruppo.

Sulla vicenda è intervenuto anche il regista del film, Ryan Coogler: «Sono ansioso che tutti vedano il film», ha detto all’Huffington Post commentando la notizia. «Voglio condividerlo con il pubblico a prescindere dalle loro opinioni politiche».

Nel frattempo, Facebook ha provveduto a cancellare il gruppo dal sito. I membri del gruppo stavano discutendo attacchi simili anche per l’uscita di Solo: A Star Wars Story e Avengers: Infinity War.

Leggi anche: “Black Panther”, le recensioni sono entusiaste

Seguici sui social

53,878FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,175FollowerSegui

Ultimi articoli

La storia dei tre Adolf ai giorni nostri

I tre Adolf, uno dei capolavori di Osamu Tezuka, racconta l'orrore del nazismo e della Seconda guerra mondiale mettendo a confornto tre personaggi.

Il trailer della serie “Ghost in The Shell: SAC_2045” di Netflix

Netflix ha diffuso il trailer di Ghost in The Shell: SAC_2045, la nuova serie animata basata sul manga Ghost in the Shell di Masamune Shirow.
raymond pettibon

Raymond Pettibon, tra arte e fumetto

Dalle fanzine punk alle pareti del MoMA, come Raymond Pettibon ha conquistato l'arte contemporanea passando attraverso il fumetto.