Mondi POP Cinema Le recensioni di "Deadpool 2" sono positive

Le recensioni di “Deadpool 2” sono positive

Deadpool 2, il nuovo film dedicato all’omonimo personaggio di Marvel Comics, è in arrivo nelle sale italiane a partire da oggi, 15 maggio. In quelle statunitensi ci arriverà invece il 18, ma i critici di settore hanno già potuto guardarlo in anteprima, così da darci un’idea sulla sua qualità.

E, dopo l’anteprima per la stampa, le prime recensioni del film – diretto da David Leitch e interpretato da Ryan Reynolds e Josh Brolin – risultano mediamente positive e parlano di un seguito all’altezza del primo film, se non superiore.

Su Rotten Tomatoes – uno dei principali aggregatori di recensioni – la media voto è di 87 su 100, basata su un campione di 141 recensioni (mentre il primo film si era fermato a 83). Su Metacritic, un sito simile a Rotten Tomatoes, il giudizio è più mite: al momento sono state raccolte 47 recensioni, per un voto complessivo di 68 su 100 (contro il 65 del precedente).

John DeFore di The Hollywood Reporter ha affermato che questo seguito è divertente tanto quanto il primo film, se non di più: «Con la carismatica irriverenza di Reynolds al centro di tutto, la pellicola si sposta dall’azione sanguinosa alla commedia lasciva e ritorno in modo fluido, diventando occasionalmente persino caloroso e sdolcinato».

Sembra essere d’accordo anche Peter Travers di Rolling Stone, secondo cui il film «riversa su di te tutto quello che ha, finché tu non alzi le mani in segno di una resa felice». Lo stesso Travers rimarca poi l’interpretazione di Reynolds, per il quale quello di Deadpool è «un ruolo che indossa come una seconda pelle».

Il giudizio più entusiasta, però, lo offre probabilmente Christopher Orr su The Atlantic: «Il film […] è divertente almeno quanto l’originario Deadpool e migliore in praticamente ogni altro aspetto: trama migliore, nemici migliori, qualche sterzata narrativa sorprendente, almeno una sequenza commovente in modo spontaneo». Dopo aver concepito il primo Deadpool come un esperimento, gli autori si sono concentrati questa volta sul rendere perfetta la forma e, secondo Orr, «ci sono andati molto vicino».

Su IndieWire, Kate Erbland sottolinea uno dei difetti principali del film, che ha «un ritmo frenetico e incostante, che saltella tra almeno quattro diversi schemi narrativi, ognuno dei quali avrebbe potuto essere protagonista di un proprio lungometraggio». Quando però Cable e gli altri personaggi – in particolare Domino – entrano in scena, il film trova un suo passo: «Il film è violento quanto il suo predecessore – prima o poi qualcuno dovrà contare il numero di ossa rotte durante l’arco del film: io scommetto su un numero a tre cifre – ma il bagno di sangue è più raffinato».

Più mite invece il giudizio di Steve Rose sul Guardian, che sottolinea come Deadpool 2 abbia qualche problema con gli stereotipi etnici: «Il grande punto debole del film è il suo continuo mettere in primo piano i personaggi bianchi a spese del cast consapevolmente inclusivo costruito intorno a loro».

Susana Polo di Polygon, infine, mette il film in prospettiva, guardando alle prossime mosse di 20th Century Fox: «[Deadpool 2] soffre soprattutto quando cerca di allungare la propria spacconaggine sulle ossa di un nascente franchising di X-Force».

La chiosa migliore la offre dunque Angie Han su Mashable: «Se vi è piaciuto il primo, c’è la possibilità che vi piaccia anche questo. Allo stesso modo, se avete odiato il primo, probabilmente non troverete molto da amare nemmeno nel suo seguito».

Seguici sui social

52,945FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,880FollowerSegui

Ultimi articoli

house of x 2

Guida agli X-Men di Hickman: “House of X” 2

Riassunto, annotazioni, riferimenti, influenze e particolari di "House of X" 2, albo del rilancio di Jonathan Hickman che cambia per sempre gli X-Men.
klaus netflix

“Klaus” e la rivoluzione animata

Klaus è un film di Natale prodotto da Netflix e animato in 2D: un’opera universale che potrebbe porsi come pietra miliare di un nuovo corso.
lassu no scozzari coconino

“Lassù no”, la carne urlante di Filippo Scòzzari

"Lassù no" è una raccolta di storie fantasione e fantascientifiche di Filippo Scòzzari, tra i più importanti autori italiani degli ultimi decenni.