Comics Il graphic novel mai pubblicato di Barry Windsor-Smith sulla Cosa

Il graphic novel mai pubblicato di Barry Windsor-Smith sulla Cosa

Sul proprio profilo Facebook, il fumettista Barry Windsor-Smith ha postato circa 50 tavole di una storia mai completata sulla Cosa dei Fantastici Quattro, presumibilmente chiamata Ben.

THE FANTASTIC FOUR 2002 BWS

Pubblicato da Barry Windsor-Smith su venerdì 27 ottobre 2017

Notizie di questo graphic novel circolavano da anni (ne avevamo parlato tempo addietro). Nel 1984 Barry Windsor-Smith realizzò Quella notte…, un racconto con protagonista Ben Grimm, apparso su Marvel Fanfare #15 e da molti considerato la migliore storia con la Cosa protagonista dopo Questo uomo o questo mostro?. Sull’onda del successo ottenuto, Windsor-Smith iniziò a lavorare su una seconda opera dedicata al personaggio dei Fantastici Quattro che sarebbe dovuta comparire sul mensile The Thing: «Era una miniserie di cui avevo completato due parti, ma nel frattempo mi ero messo a creare Weapon X e la serie venne cancellata.»

In quegli anni Barry Windsor-Smith si stava interessando all’analisi dei problemi psicologici che affliggevano i personaggi Marvel. In un’altra storia mai realizzata, Thanksgiving, l’autore faceva luce sui traumi infantili di Bruce Banner – ispirando poi i lavori successivi di Bill Mantlo e Peter David sul Gigante di Giada.

«Come in Thanksgiving, volevo capire l’esperienza interiore che si vive nell’essere trasformati in mostri mentre quelli intorno a te diventano eroi glamour» ha spiegato Barry Windsor-Smith. «Ovviamente Stan Lee e Jack Kirby avevano già usato questo tema, ma la loro rappresentazione era spesso un controcanto a storie d’azione».

Windsor-Smith non avrebbe inscenato scontri da supereroi ma solo la decostruzione, emotiva e fisica, di Ben Grimm, rimasto solo mentre il resto della famiglia è in vacanza. Anche se le premesse sono al limite del tragico, il tono del fumetto sarebbe passato «dal serio al comico» e si sarebbe concluso in maniera positiva, con una ritrovata autostima da parte della Cosa.

BEN 1984 BWS 1

Pubblicato da Barry Windsor-Smith su sabato 28 ottobre 2017

A metà degli anni Duemila, Windsor-Smith riesumò l’idea della storia sulla Cosa con l’intenzione di realizzarne un graphic novel. Secondo l’autore, il fumetto avrebbe dovuto cambiare la percezione del personaggio da parte dei lettori, così come Weapon X aveva cambiato la prospettiva su Wolverine: «Vorrei presentarla come un volume singolo e con materiali editoriali che ne spiegassero la genesi, di modo da rendere la transizione tra quello che avevo prodotto negli anni Ottanta e le tavole nuove più indolore possibile. La Marvel non ha ancora approvato il progetto, ma ne stiamo discutendo.»

Le discussioni non portarono da nessuna parte e della storia non si è più saputo nulla, tranne una piccola anteprima del sito Comic Book Galaxy risalente al 2006. Ma lo scorso novembre Barry Windsor-Smith ha postato sul proprio profilo Facebook tutte le tavole che aveva realizzato prima dello stop, poi riprese dal blog The Bronze Age Of Blogs di Pete Doree. La segnalazione, dice Doree a Fumettologica, proveniva da un lettore che «stava cercando dei disegni di Barry Windsor-Smith. Aveva visto queste tavole che non riconosceva e aveva scoperto che erano state postate dallo stesso autore… E nessuno se n’era accorto!».

Seguici sui social

51,057FansMi piace
1,632FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,204FollowerSegui

Ultimi articoli

tintin edward hopper

Tintin come in quadri di Edward Hopper

Il pittore francese Xavier Marabout è autore di una serie di quadri che ritraggono Tintin in situazioni e scenari che tipici del pittore Edward Hopper.

I supereroi americani in dipinti cinesi

L’illustratore cinese Jacky Tsai è autore di illustrazioni nella quali immagina i supereroi americani all’interno di dipinti tradizionali cinesi.

Le locandine immaginarie di “Millennium Actress” di Satoshi Kon

"Millennium Actress" raccontava di una attrice protagonista di film (immaginari) di cui Satoshi Kon aveva realizzato delle splendide locandine.