Recensioni BBB consiglia 5 motivi per leggere "Hip Hop Family Tree" di Ed Piskor

5 motivi per leggere “Hip Hop Family Tree” di Ed Piskor

bbb consiglia bilbolbul

Nella rubrica ‘BBB Consiglia’, ogni mese, il festival bolognese BilBOlbul seleziona un’opera a fumetti di particolare valore e interesse, offrendo una lista di buone ragioni per leggerlo. Questo mese parliamo de Hip Hop Family Tree, una serie a fumetti di Ed Piskor pubblicata in Italia da Panini Comics.

1| Un documentario disegnato

Una domanda che si pone ciclicamente è quanto il fumetto, inteso come linguaggio, si presti alla dimensione saggistica, cioè sia in grado di proporre un approfondimento che vada al di là del racconto di una storia, e soprattutto come possa farlo senza venir meno a una dimensione di intrattenimento, considerando un intento di base divulgativo e non specialistico. Hip Hop Family Tree affronta questo problema scegliendo di raccontare le storie individuali dei pionieri di questa cultura e intrecciandole tra loro, a partire da capisaldi quali Dj Kool Herc, Grandmaster Flash e Afrika Bambaataa. Amalgamando il tutto grazie al ruolo del narratore che fornisce date, numeri, informazioni e fatti, attraverso una massiccia presenza di didascalie, viene lasciato invece alle sequenze disegnate il compito di intrattenere con singoli aneddoti ed episodi più divertenti e avventurosi.

2| Enciclopedico e ludico

È evidente, già dopo la lettura di poche pagine, il grandissimo lavoro di documentazione storiografica svolto dall’autore: un lavoro affatto facile, considerando che le fonti sono con ogni probabilità i racconti dei protagonisti stessi (raccolti attraverso libri, saggi, articoli e interviste), e che di molti episodi si è probabilmente persa la dimensione cronachistica in favore di una rilettura “mitica”. Nonostante lo spirito completistico e l’incredibile ramificazione di vicende e personaggi, Ed Piskor riesce a evitare che il lettore sia sopraffatto dalle informazioni e che subentri la noia, mantenendo in tutto il corso dell’opera un tono giocoso e divertente, che tracima talvolta nel grottesco, grazie alle personalità esagerate e fuori dagli schemi dei protagonisti.

Hip Hop Family Tree fumetto ed piskor

3| Una grande storia fatta di piccole storie

La cultura hip hop ha una storia molto breve, che inizia a New York nella seconda metà degli anni Settanta. Non è una storia compatta e lineare, ma, almeno agli esordi, l’insieme delle azioni e delle produzioni artistiche operate da un piccolo gruppo di inconsapevoli pionieri. Le circostanze storiche e sociali hanno permesso prima di tutto alla musica (ma anche al writing, alla breakdance e all’arte del djing, cioè le altre discipline che con il rap compongono l’hip hop) di attecchire rapidamente e diffondersi a macchia d’olio, dalla grande mela, agli Stati Uniti e al mondo intero. In questo senso il titolo dell’opera è quanto di più esplicativo ci possa essere per descriverla: una rilettura integrale di un albero genealogico, che parte dalle radici e si ramifica molto rapidamente, e in cui i singoli rami finiscono per intrecciarsi vorticosamente. Una storia con la S maiuscola composta di piccole storie che finiscono per incrociarsi e influenzarsi vicendevolmente, senza mai perdere di vista le connessioni con il resto della cultura musicale e massmediatica.

4| Il giusto mix tra segno e colore

Parte del successo del lavoro di Ed Piskor è senz’altro dovuto al suo segno estremamente riconoscibile: un solido impianto figurativo, molto attento e preciso nella rappresentazione dei volti, dei dettagli e delle ambientazioni, venato però da una sfumatura di “underground”, che lo porta a calcare volutamente la mano, deformando espressioni e anatomie in chiave espressionistica (citando spesso pose e inquadrature proprie del fumetto supereroistico) e insistendo in un’inchiostrazione ricca di linee e tratteggi a dir poco meticolosi. In Hip Hop Family Tree il disegno si sposa poi a una scelta coloristica smaccatamente vintage: il colore infatti, per quanto digitale, non è piatto, ma stampato con l’intento di ricreare l’effetto della retinatura tipica degli albi a fumetti degli anni Sessanta e Settanta. L’operazione permette al lettore di entrare meglio in sintonia con lo spirito dei tempi, e al contempo all’opera di distinguersi e rendersi “autoevidente”: basta leggere una pagina del fumetto per capire se farà per noi.

Hip Hop Family Tree fumetto ed piskor

5| Un’opera che guarda al presente

Al momento Ed Piskor ha realizzato quattro volumi di Hip Hop Family Tree, che coprono la storia dagli anni Settanta al 1985. L’intento dell’autore è proseguire, non sappiamo se fino ai giorni d’oggi, ma di certo più si procede con gli anni, più l’hip hop cresce, si moltiplicano gli attori, e diventa difficile continuare a percorrere tutti i rami dell’albero. Già così però l’opera parla al presente, tirando in ballo un sacco di artisti ancora attivi di cui sono mostrati gli esordi (come Rick Rubin, Q-Tip o Dr.Dre), e raccontando la genesi di brani musicali che sono diventati ormai dei classici tuttora in programmazione nelle radio e nelle playlist di Spotify (una per tutte la celebre Rapper’s Delight della Sugarhill Gang).

Per certi versi questo fumetto fa quello che il rap ha sempre fatto con la musica: recuperare e campionare qualcosa di vecchio, rimettendolo così in circolo e creando rimbalzi e cortocircuiti tra ciò che è stato e ciò che è, dettando magari anche possibili percorsi per ciò che sarà (si veda a esempio la serie Netflix The Get Down di Baz Luhrmann e Stephen Adly Guirgis, uscita tra il 2016 e il 2017, che ha sfruttato il fumetto come reference imprescindibile).

Hip Hop Family Tree fumetto ed piskor

Ma Hip Hop Family Tree è un fumetto per tutti? Agli amanti del rap piacerà di sicuro, perché ci troveranno senz’altro dentro i propri idoli, potendo approfondire i loro inizi di carriera e le intricate vicende, mix di causalità e casualità, che li hanno visti partecipi; per quelli che non disdegnano l’hip hop, ma non hanno mai approfondito, sarà un’accessibile enciclopedia visiva; gli adolescenti potranno indagare le origini e le ascendenze della musica che in questi ultimi anni ha colonizzato come non mai tutti i network italiani (trap,rap e it-pop, da Sfera Ebbasta e Dark Polo Gang a Frah Quintale e Willie Peyote); a tutti gli altri consigliamo comunque di fare un tentativo, se non altro per saggiare come Ed Piskor riesca a destreggiarsi con assoluta padronanza in una materia così sfuggevole, e per godere delle sue capacità di storyteller nel realizzare l’affresco di un’epoca.

Seguici sui social

52,131FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,661FollowerSegui

Ultimi articoli

nathan never spazio luca parmitano fumetto bonelli

Nathan Never sulla Stazione Spaziale Internazionale in un volume speciale a Lucca Comics 2019

A Lucca Comics & Games 2019 Sergio Bonelli Editore presenterà il volume da libreria Nathan Never - Stazione spaziale internazionale.
julia variant lucca 2019

La variant cover di Julia per Lucca Comics 2019

A Lucca Comics & Games 2019 Sergio Bonelli Editore presenterà un'edizione variant cover di Julia n. 254 - Il mistero di Venezia,...
graphic novel libri

Su Amazon spendi 15 euro in fumetti e ti regalano un buono da 5...

Una promo di Amazon sui fumetti: un buono sconto del valore di 5 euro a fronte di un acquisto di almeno 15 euro, in un unico ordine.