Rubriche #tavolidadisegno Nello studio di Elisa Macellari

Nello studio di Elisa Macellari

Per la rubrica #tavolidadisegno, siamo entrati nello studio della fumettista e illustratrice Elisa Macellari, che ha appena pubblicato il suo primo libro con Bao Publishing, intitolato Papaya Salad.

elisa macellari studio

Quali sono i progetti a cui stai lavorando attualmente?

A breve termine sto progettando la mostra su Papaya Salad, che si terrà al Treviso Comic Book Festival. Saranno esposte delle tavole originali e delle stampe a colori; in più vorrei arricchire lo spazio con degli elementi thai che ho recuperato nel mio ultimo viaggio a Bangkok.

Poi sto ultimando delle illustrazioni per una app canadese che pubblica storie per bambini in varie lingue. Il testo che mi è stato affidato è molto divertente e anche se è pensato per un pubblico giovane racconta bene la società e le sue contraddizioni. Continuo la mia collaborazione settimanale con Donna Moderna, che mi dà sempre soddisfazioni e mi lascia libertà creativa, e quella con Langosteria. C’è qualche altro progetto all’orizzonte ma ancora è presto per parlarne.

elisa macellari studio

Quali strumenti usi per disegnare?

Lavoro molto al tavolo luminoso. Faccio le bozze a matita e le ricalco a matita, da vera maniaca ossessiva. Mi piace il risultato finale, il segno è più morbido rispetto all’inchiostro. Tutte le tavole di Papaya Salad sono realizzate così. La colorazione avviene poi in digitale. Da qualche tempo ho iniziato a usare l’iPad e Procreate per la fase di disegno. Lo strumento matita ha un’ottima resa e per alcuni tipi di lavori velocizza il processo.

elisa macellari studio

Hai qualche abitudine prima di metterti a disegnare?

Non ho nessuna abitudine fissa. Il mio studio è a casa, quindi a volte mi sveglio e mi metto immediatamente alla scrivania. Forse l’unico rituale prima di iniziare a disegnare è che devo avere tutto sotto controllo, le email, le scadenze, le scalette. Fatta chiarezza mentale si può iniziare.

elisa macellari studio

Ci sono libri o fumetti che devono essere a portata di mano mentre disegni?

Nell’ultimo anno ho tenuto accanto a me Lessico Famigliare di Natalia Ginzburg, poi un libro sulla mitologia thailandese pieno di mostri e creature fantastiche, e E la chiamano estate di Jillian e Mariko Tamaki.

elisa macellari studio

Hai un oggetto in studio a cui sei particolarmente affezionata?

Qualche anno fa sono stata a vedere una mostra di Tullio Pericoli a Brescia. Ho sempre amato il suo immaginario e il suo segno. Nella galleria erano esposti alcuni ritratti realizzati in acquaforte e tra questi ce n’era uno di Borges, il mio scrittore preferito. Mi è sembrata una perfetta scatola cinese e mi sono subito convinta di comprarlo.

Allora mi ero appena licenziata dal mio lavoro precedente, prima di fare l’illustratrice insomma, e anche se mi sembrava una spesa pazza mi è sembrato anche un segnale di cambiamento nella mia vita. Avevo capito cosa volevo fare. Adesso il Pericoli-Borges si trova sulla parete del mio studio e mi guarda dall’alto tutti i giorni mentre lavoro.

Seguici sui social

52,919FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,875FollowerSegui

Ultimi articoli

Free Comic Book Day 2019

I fumetti gratis per il Free Comic Book Day Italia 2019

I 14 fumetti appositamente realizzati per il Free Comic Book Day 2019, gratuitamente distribuiti nelle fumetterie che parteciperanno all'iniziativa.
Daryl Zed bonelli

Bonelli annuncia il numero 0 di “Daryl Zed”

Bonelli presenta il numero zero di Daryl Zed, preludio di una miniserie dedicata al personaggio creato da Tiziano Sclavi sulle pagine di Dylan Dog 62.

Una storia da “Un mondo nuovo” di Chris Reynolds

Presentiamo in anteprima una storia completa da "Un mondo nuovo" del fumettista britannico Chris Reynolds, pubblicato da Tunuè.