Focus FumettoStoria La prima volta che Clark Kent si è aperto la camicia per...

La prima volta che Clark Kent si è aperto la camicia per mostrare la “S” sul petto

superman costume

C’è un gesto di Superman talmente noto da essere ormai diventato quasi scontato, per quante volte lo si è visto nei fumetti e persino al cinema. Quando Clark Kent ha bisogno di entrare in azione, si apre la camicia sul petto, mostrando l’iconica grossa “S” rossa su sfondo giallo che lo contraddistingue. Ma qual è stata la prima volta che questo gesto è stato mostrato?

Come fatto notare dallo storico del fumetto Brian Cronin su CBR, nelle primissime storie di Jerry Siegel e Joe Shuster – i due creatori del personaggio – Clark Kent semplicemente usciva di scena per poi riapparire in una delle vignette successive come Superman. Qualche mese dopo il suo esordio, su Action Comics #7 del dicembre 1938, i due autori raffigurarono l’eroe mentre si cambiava, ma mostrando l’atto di sfilarsi la camicia senza costume sotto.

superman costume

Il mese successivo, su Action Comics #8 si vide per la prima volta il costume sotto la camicia, ma l’azione era ancora priva della foga necessaria per trasformare il gesto in un momento davvero iconico.

superman costume

Per quell’immagine classica bisognò aspettare il luglio del 1941, quando, sulle pagine di Superman #11, Siegel e il disegnatore Leo Nowak raffigurarono in una vignetta Clark Kent nell’atto di tirarsi i due lembi della camicia, prima di lanciarsi fulmineo in azione.

superman costume

Più di qualsiasi fumetto, però, a rendere immortale il gesto è stato probabilmente il primo dei film su Superman interpretati da Christopher Reeve (quello del 1978 diretto da Richard Donner, con le musiche di John Williams), tra le cui scene iniziali c’era anche questa:

Seguici sui social

52,988FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,886FollowerSegui

Ultimi articoli

mia truppi calcutta fumetto

Il fumetto ispirato alla canzone “Mia” di Giovanni Truppi con Calcutta

Fulvio Risuleo e Antonio Pronostico hanno realizzato un fumetto ispirato alla versione di Mia di Giovanni Truppi reinterpretata assieme a Calcutta.
fumo di china 292

Cosa c’è in “Fumo di China” di novembre 2019

Cosa contiene il numero 292 della rivista di critica e approfondimento sul fumetto Fumo di China in edicola questo novembre.
angouleme

Angoulême 2020: tutte le nomination (inclusi 2 autori italiani)

Sono state comunicate le nomination della 47ª edizione del Festival International de la Bande Dessinée di Angoulême,...