News Le scene dei titoli di coda di "Captain Marvel", spiegate

Le scene dei titoli di coda di “Captain Marvel”, spiegate

ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER

captain marvel scene titoli di coda

Come tutti i film dei Marvel Studios, anche Captain Marvel presenta alcune scene nel mezzo dei titoli di coda, in questo caso due, che si ricollegano ad altre vicende del Marvel Cinematic Universe.

L’arrivo nel presente
La prima scena, posta nel mezzo dei titoli, fa da ponte tra Captain Marvel e Avengers: Endgame – che arriverà in Italia il 24 aprile – e si apre con Captain America e Vedova Nera intenti a fare il conto dei morti in seguito allo schiocco di dita di Thanos (al termine di Avengers: Infinity War).

I due vengono interrotti da James Rhodes (alias War Machine), che gli comunica che il segnalatore di Nick Fury – visto nella scena post-credits di Avengers: Infinity War – ha smesso di lampeggiare. Al gruppo si aggiunge anche Bruce Banner (Hulk) e, mentre gli eroi cercano di capire come farlo ripartire, dal buio spunta fuori Captain Marvel, giunta nel presente in soccorso degli Avengers.

In questa scena, Carol Danvers presenta capelli più lunghi, mentre il suo costume è identico a quello visto nel corso del film, a parte per l’aggiunta dei coprispalle dorati. Sembra che per lei sia passato un po’ di tempo dal finale del film, ma questo sarà probabilmente rivelato solo in Avengers: Endgame.

Goose e la Gemma dello Spazio
Il protagonista della seconda scena – che arriva al termine dei titoli di coda – è invece Goose, il gatto di Carol Danvers. L’azione ritorna negli anni Novanta, per la precisione nell’ufficio di Fury, dove il felino salta sulla scrivania e inizia a vomitare. Al posto della classica palla di pelo, però, dalla sua bocca fuoriesce il Tesseract, il cubo contente la Gemma dello Spazio, ovvero una delle sei Gemme dell’Infinito con cui Thanos ha decimato la popolazione dell’universo.

captain marvel scene titoli di coda nick fury tesseract
Nick Fury con il Tesseract

La scena fa a tutti gli effetti da prequel per il film The Avengers del 2012, in cui trovavamo il Tesseract – anche noto come Cubo Cosmico – in mano allo S.H.I.E.L.D., che su di esso stava compiendo degli esperimenti fino a che l’oggetto non fu rubato da Loki. In precedenza il Tesseract era già apparso in Captain America: Il primo Vendicatore, e in Captain Marvel scopriamo dove fosse finito dopo essere stato recuperato da Howard Stark – padre di Tony – tra i ghiacci del Mare Artico.

Leggi anche:
La vera storia di come Nick Fury ha perso l’occhio
Chi è Goose, il gatto di Capitan Marvel
Dove si colloca “Captain Marvel” rispetto agli altri film Marvel
• “Captain Marvel”, recensione no spoiler
• Le cose da sapere su “Captain Marvel”
• Chi sono gli Skrull, i nemici di Capitan Marvel

Seguici sui social

49,619FansMi piace
1,510FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,686FollowerSegui

Ultimi articoli

discesa inferno garth ennis saldapress

Discesa all’inferno di Garth Ennis e Goran Sudzuka

Le prime pagine di Discesa all'inferno, fumetto di Garth Ennis e Goran Sudzuka per Aftershock Comics, tradotto in Italia da saldaPress.
l'ombra di allende jorge gonzalez

“L’ombra di Allende”, il segno fugace della Storia

”L’ombra di Allende” di Jorge Gonzalez è un graphic novel che racconta la parabola politica di Salvador Allende, con passione e dedizione storica.
wolverine frank miller

Sunday Page: Daniele Croci sul Wolverine di Claremont e Miller

Per la rubrica Sunday Page, questa settimana ospitiamo il critico Daniele Croci che discute una tavola dal Wolverine di Chris Claremont e Frank Miller.