Cosa c’è su “Linus” di marzo 2019

Linus di marzo 2019, in edicola da venerdì 8, presenta un focus sull’Africa e ha una copertina sul tema realizzata dal fumettista sudafricano Joe Dog.

Oltre a Joe Dog, il numero presenta lavori di diversi illustratori e artisti africani, tra cui Maya Mihindou, fumettista franco-gabonese, Ahmed Ben Nessib, giovane fumettista e regista d’animazione tunisino ma residente in Italia, e Migo, fumettista egiziano che racconta una storia tragica di emigrazione.

Tra i testi di approfondimento sul tema ci sono quello di Wu Ming 1 sulla memoria falsata del colonialismo italiano e sui tentativi di riscriverne la storia dal basso; un racconto inedito di Chinua Achebe, intitolato La favola di Ugoye; una storia dimenticata di razzismo in Italia durante il ventennio fascista raccontata da Anthony Mazza e Andrea Campanella.

Per quanto riguarda i fumetti, Graziano Origa firma due articoli per i novant’anni di Popeye e Tintin, accompagnati dalle storie inedite di Sergio Ponchione e Joe Dog. Oltre le rubriche su cinema, televisione, musica e cultura nerd, c’è anche una lunga intervista a Luca Guadagnino, il regista di Suspiria, che racconta le sue influenze, la sua poetica e i progetti futuri.

Tra i fumetti, oltre le classiche strisce dei Peanuts, Calvin & Hobbes e Little Nemo, ci sono una storia di Pierre Van Hove sui gilet gialli, i diari di Alessandro Tota e racconti brevi di Paolo Bacilieri, Davide Toffolo e Leila Marzocchi.

Linus n. 3, marzo 2019, 120 pagine a colori, 6,00 €. Acquistabile online.