ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER

Forse più degli altri film dei Marvel Studios, Avengers: Endgame trae ispirazione dai fumetti prodotti negli ottant’anni di vita di Marvel Comics. Per raccontare l’atto finale del franchise i realizzatori hanno pescato momenti iconici ma anche passaggi meno noti della storia Marvel, alcuni più evidenti, altri più nascosti. Eccone alcuni che potreste non aver individuato.

Professor Hulk
Apparso per la prima volta in La psicanalisi di Hulk di Peter David e Dale Keown (The Incredible Hulk #377, del 1991), questa identità di Bruce Banner nasce dal conflitto di personalità che il personaggio stava vivendo durante la coabitazione nella stessa mente di Bruce, Hulk e Hulk grigio, una versione intelligente ma meno forte che lavorò per un periodo come buttafuori a Las Vegas facendosi chiamare Joe Fixit.

Solo grazie all’aiuto di Doc Samson – supereroe e psichiatra – le tre identità si fusero insieme, producendo una nuova personalità, dotata dell’intelligenza di Bruce e la super-forza dell’Hulk verde.

professor hulk avengers endgame fumetti

Nuova Asgard
La prima saga della gestione di J. Michael Straczynski di Thor non solo riportò nel 2007 la testata sugli scaffali dopo un lungo periodo di silenzio ma ripensò anche l’aspetto del personaggio influenzando profondamente la sua controparte cinematografica.

In Endgame Thor si è insediato con il resto dei sopravvissuti di Asgard in una zona sperduta che ha rinominato Nuova Asgard. La soluzione narrativa ricorda lo spunto utilizzato da Straczynski all’inizio della serie, in cui Thor portava Asgard sulla Terra, generando una convivenza forzata tra gli Asgardiani e gli abitanti dell’Oklahoma.

new asgard thor avengers endgame fumetti

Morgan Stark
Nei fumetti Morgan Stark non è la figlia di Tony ma suo cugino. Introdotto in Tales of Suspense #68 da Don Heck e Al Hartley, Morgan crede che lo zio Howard – padre di Tony – abbia estromesso lui e suo padre dalle Stark Industries e per questo assume l’alias di Ultimo e tenta di prendere il controllo della compagnia.

morgan stark iron man avengers endgame fumetti

Hail Hydra
Tentando di recuperare una delle gemme, Steve Rogers finisce in un ascensore pieno di agenti dello S.H.I.E.L.D. che sono in realtà spie dell’Hydra. La scena cita un momento di Captain America – The Winter Soldier che innescava una lunga sequenza di combattimento.

Qui, invece, Capitan America sfrutta la situazione a proprio vantaggio e si fa consegnare lo scettro di Loki sussurrando nell’orecchio di uno degli agenti il saluto «Hail Hydra», lo stesso che pronuncia nel contestatissimo colpo di scena al centro di Secret Empire, la miniserie del 2017 scritta da Nick Spencer. Nel fumetto, Capitan America si rivelava infatti essere un agente sotto copertura dell’Hydra.

capitan america hydra avengers endgame fumetti

Il meritevole Thor
Durante il suo viaggio nel passato, Thor chiama a sé il martello (in quel momento ancora integro) sperando di essere ancora degno del suo potere. Anche se nella versione italiana il dio del tuono esclama «sono ancora meritevole!», in originale si definisce “whorty” (“degno” nella versione italiana a fumetti). Unwhorty Thor è anche il titolo di una serie scritta da Jason Aaron in cui si raccontano le vicende di un Thor non più degno del martello (come abbiamo raccontato qui).

unworthy thor avengers endgame fumetti

Roscoe
Nel film, dopo aver fallito il recupero del Tesseract nel 2012, Capitan America e Iron Man tornano indietro nel tempo agli anni Settanta, trafugando la gemma dalla base dello S.H.I.E.L.D. Per fare ciò Steve si camuffa da soldato semplice, e sulla sua uniforme è ricamato il nome Roscoe, una citazione a un personaggio che indossò il costume del personaggio, presentato nel 1975 in L’incubo di Cap (Captain America #181) di Steve Englehart e Sal Buscema.

Roscoe Simons era un giovane che avrebbe voluto prendere il posto dell’eroe, nel frattempo diventato Nomad perché disilluso dalla classe politica che aveva causato lo scandalo Watergate (qui i dettagli). Falcon accettò di addestrare il ragazzo, che iniziò a indossare il costume di Cap, finendo però catturato e ucciso dal Teschio Rosso. Steve Rogers riprese allora l’identità del capitano, comprendendo che proprio nel momento di crisi più profonda occorre un simbolo di speranza a cui guardare.

capitan america roscoe avengers endgame fumetti

L’elmetto originale di Ant-Man
Sempre nella sequenza ambientata negli anni Settanta, vediamo Hank Pym al lavoro sulla prima tuta da Ant-Man. Il casco che ha costruito è una riproposizione fedele del primo design inventato da Jack Kirby.

ant-man jack kirby avengers endgame fumetti

Il papà di Vedova Nera
Su Vormir, Occhio di Falco e Vedova Nera devono recuperare la gemma custodita dal Teschio Rosso, che dimostra di conoscere i due citando eventi e persone del loro passato. Nel caso di Natasha, viene nominato suo padre Ivan. Nei fumetti, Ivan Petrovich è invece il tutore del personaggio, colui che la salvò durante la Seconda guerra mondiale.

ivan petrovich vedova nera avengers endgame fumetti

Hulk solleva una montagna
Nel quarto numero dello storico crossover Guerre segrete del 1984, Hulk si frappone tra i suoi compagni Vendicatori e una cascata di rocce per evitare che queste ultime schiaccino gli eroi. La scena, immortalata sulla copertina del quarto albo della miniserie, è citata nella battaglia finale del film.

secret wars hulk avengers endgame fumetti

Rescue
Creata da Matt Fraction e Salvador Larroca nella saga di Invincible Iron Man – L’uomo più ricercato del mondo, Rescue è l’identità supereroistica di Pepper Potts, compagna di Tony Stark e in seguito CEO delle Stark Industries.

La donna divenne una vigilante grazie all’armatura che Tony le aveva costruito, pensandola come strumento di difesa (l’esoscheletro infatti non implementa armi e tutta la sua tecnologia si basa sui campi magnetici). Nel film, Rescue è il nome dell’armatura che Tony costruisce come regalo di compleanno per la moglie e che quest’ultima indossa nel finale della pellicola per combattere l’esercito di Thanos.

rescue iron man avengers endgame fumetti

Capitan America solleva il martello di Thor
Nei fumetti, pochi sono stati i personaggi in grado di sollevare Mjolnir, il martello di Thor. Nei film, ancora meno. In Endgame assistiamo a un momento che era stato anticipato in Age of Ultron e che è fedele allo spirito dei fumetti: Capitan America che solleva il martello.

Nei fumetti, Steve Rogers ha impugnato Mjolnir in una manciata di occasioni, la prima delle quali è stata nella storia del 1988 L’eroe e il martello, di Tom DeFalco e Ron Frenz, su Thor #390 (un altro periodo in cui – in rotta con il governo americano, aveva abbandonato il ruolo di Capitan America, facendosi chiamare semplicemente Capitano).

capitan america mjolnir avengers endgame fumetti

Thanos distrugge lo scudo di Capitan America
Il guanto dell’infinito di Jim Starlin, George Perez e Ron Lim, oltre a essere l’ispirazione generale del film, viene citata in un momento dello scontro tra Capitan America e Thanos. Quest’ultimo, infatti, frantuma lo scudo di Steve Rogers replicando la scena alla fine della saga fumettistica.

thanos scudo capitan america avengers endgame fumetti

Il guanto dell’infinito indossato da Hulk…
Recuperate le gemme, Hulk si offre volontario per indossare il guanto, il cui potere può essere gestito soltanto da individui dotati di enorme forza. La dinamica ricorda Divisi, arco narrativo di Joshua Hale Fialkov e Carmine di Giandomenico apparso su Ultimate Comics: The Ultimates.

Nell’universo Ultimate esistono due guanti e otto gemme: l’Hulk di quel mondo entrò in possesso di entrambi, diventando una minaccia per gli Ultimates.

hulk guanto dell'infinito avengers endgame fumetti

…e poi da Iron Man
Bruce Banner non è stato il solo a indossare l’artefatto alieno. Nella saga Chi avrà il guanto? di Brian Michael Bendis e John Romita Jr (vista su Avengers #7-12 nel 2011) Iron Man indossò il Guanto per sconfiggere il criminale Hood, che stava cercando le gemme, e rispedirlo in prigione. Tony raccontò poi agli altri Vendicatori di averlo distrutto per sempre, mentre in realtà lo aveva diviso fra i membri degli Illuminati.

iron man guanto dell'infinito

Asgardiani della galassia
Quando Thor si unisce ai Guardiani della Galassia si scherza sul fatto che d’ora in poi il gruppo si dovrà chiamare Asgardiani della Galassia, un riferimento a una recente incarnazione del team chiamata proprio così e comprendente Angela, Thunderstrike, Throg, Skurge e il Distruttore.

asgardians of the galaxy avengers

Vecchio Cap, nuovo Cap
La conclusione delle vicende di Capitan America, per quanto ingarbugliate sul piano teorico (per via delle conseguenze del suo viaggio nel tempo), è una riproposizione della storia Il chiodo di ferro, di Rick Remender e Nic Klein (2014).

Qui, il criminale Chiodo di Ferro neutralizzava i poteri del siero del super-soldato, riportando Steve alla sua età biologica. Il ruolo di Capitan America veniva così assunto da Sam Wilson/Falcon, proprio come in Endgame.

sam wilson 1 capitan america

Leggi anche:
Molti cercano “ineluttabile” dopo la frase di Thanos in Avengers: Endgame
Da dove viene la nuova versione di Hulk in “Avengers: Endgame”
• 
Record di ricerche per “Avengers” su Pornhub
• 
La nuova identità di Occhio di Falco in “Avengers: Endgame”, spiegata
• 
L’easter egg di Thanos su Google
• 
Chi è il ragazzo nel finale di “Avengers: Endgame”
• 
Come guardare i film Marvel in ordine cronologico
“Avengers: Endgame” stabilirà il nuovo record di incassi?

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.