Manga "L'isola errante", il sognante vagare di Kenji Tsuruta

“L’isola errante”, il sognante vagare di Kenji Tsuruta

L’isola errante è un concetto, uno stato della mente, un’idea. L’isola errante vaga nel mare della nostra anima, nello spazio dal sapore antico – quasi miyazakiano. Una specie di rivisitazione ideale di Porco Rosso e delle nuvole attraverso le quali nuota il Gigante di Conan il ragazzo del futuro.

isola errante Tsuruta manga

Mikura è una giovane postina dei cieli che consegna le missive e i pacchetti con il suo idrovolante assieme al coraggioso gatto Endeavour, che rappresenta il bisogno di provare a fare le cose, il “tentativo” impersonificato (come anche il nome). Anzi il “tentativo” gattificato…

Dopo la morte del nonno, con il quale ha costruito un lungo e profondo rapporto, Mikura decide di riprendere una sua ricerca durata per tutta la vita dell’anziano aviatore, cioè l’isola errante, che intravede un giorno e che le apre un nuovo scenario di realtà. L’isola errante esiste, ma cos’è? E come fare a raggiungerla? O forse è stato solo un sogno?

Kenji Tsuruta è stato un ragazzo prodigio dei manga giapponesi. Nato a Hamamatsu, nella prefettura di Shizuoka, a maggio del 1961, ha legato il suo nome a Spirit of Wonder (1986) lunga serie di racconti fantasy serializzati fino al 1996 anche sulla rivista Afternoon. SoW è poi stato tradotto anche in un OAV (1992) e in una serie animata (2001-2004) ed è considerato fino ad ora il capolavoro di Tsuruta.

La sua cifra è facilmente riconoscibile. Sognante, distaccato, amante di una tradizione ideale di donne estremamente femminili e seducenti ma forti e androgine: pigre, lontane, assonnate, tipicamente dinoccolate e quasi lunari. Ma profondamente erotiche, così come sono anche esplicitamente alcuni racconti, ad esempio La Pomme Prisonnière pubblicato in Italia da J-Pop.

Ma l’Isola errante gioca tutta un’altra partita. È una storia solida e che procede su un binario contemporaneamente allusivo e surreale, ma al tempo stesso ben delineato. È anche ricco di riferimenti e doppie e triple letture, a tratti sembra quasi un telefilm alla Lost: Endeavour è un riferimento alla nave del capitano James Cook, Amelia a quella dell’eroina volante Amelia Earhart; l’isola errante è a metà fra Shangri-La e i posti misteriosi visitati da Gulliver nei suoi viaggi o nell’Isola del tesoro.

C’è certamente, come notano anche alcuni critici, una serie di letture ulteriori del testo, del disegno, della sua forma, dei suoi sottintesi e delle sue allusioni. La dimensione voyeuristica, innanzitutto, che viene accesa dalla frammentarietà del modo di ragionare e procedere della protagonista Mikura, pensata a tavolino probabilmente per generare un effetto “moe” nel pubblico più sensibile. Ma in maniera sfumata, laterale.

Sono proprio le note leggere, i semitoni, il senso di ennui appena accennato, ma costruito per contrasto in un’area mitica di isole circondate dal mare, con un clima solare e semi-tropicale (che peraltro dovrebbero trovarsi nella zona compresa fra gli arcipelaghi di Izu e Ogasawara) a rendere la storia ancorata a una realtà che demistifica molte delle presunte manipolazioni e del senso di tristezza che viene annodato filo per filo attorno alla storia disegnata da Tsuruta. C’è insomma, sia questa lettura possibile che quella più decadente e triste, in un contrasto dal sapore spesso intrigante.

Leggero e ben disegnato, chiaro, ma al tempo stesso sottilmente allusivo e anche decisamente seducente, e contraddistinto da toni leggeri e non aggressivi, il lavoro di Tsuruta è un piccolo capolavoro in due volumi. Almeno, fino a quando l’autore non raccoglierà abbastanza materiale pubblicato per farne un terzo.

L’isola errante vol. 1 e 2
di Kenji Tsuruta
traduzione di Federica Lippi
Dynit, febbraio 2019
brossurati, 192 pp., bianco e nero
16,90 €

Seguici sui social

49,923FansMi piace
1,540FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,866FollowerSegui

Ultimi articoli

monkey punch dc comics

I personaggi DC Comics disegnati dal creatore di Lupin

Si tratta di una serie di disegni di personaggi di DC Comics interpretati da Monkey Punch per una campagna promozionale dei Warner Bros.
fenice marvel fumetti

7 personaggi Marvel posseduti dalla Forza Fenice

Nel corso degli anni sono stati diversi i personaggi Marvel che sono stati posseduti - volontariamente o meno - dalla Forza Fenice.
pepe the frog

Il creatore di Pepe the Frog ha vinto una causa contro un sito di...

Matt Furie ha vinto una causa intentata contro il sito di estrema destra Infowars e il suo gestore, Alex Jones, conduttore radiofonico complottista.