Il comune di Verona regala alle scuole il fumetto sul neofascista Sergio Ramelli

Il comune di Verona ha acquistato alcune copie del volume a fumetti Sergio Ramelli. Quando uccidere un fascista non era un reato di Marco Carucci e Paola Ramella (pubblicato nel 2017 da Ferrogallico), da donare a scuole e biblioteche comunali.

Si tratta di un volume controverso, che racconta l’omicidio avvenuto negli anni Settanta di Sergio Ramelli, un giovane esponente del Fronte della Gioventù, un movimento di estrema destra attivo in quel periodo e affiliato al Movimento Sociale Italiano. Ramelli morì il 29 aprile in conseguenza di una aggressione avvenuta il 13 marzo 1975 da parte di un gruppo di militanti vicini al movimento Avanguardia operaia.

Il Partito Democratico ha reagito all’iniziativa con una interrogazione parlamentare rivolta al ministro della pubblica struzione Marco Bussetti e promossa dal senatore Vincenzo D’Arienzo, che ha dichiarato: «Sergio Ramelli non viene ricordato quale vittima della violenza politica di quegli anni, sulla quale la riflessione è sempre aperta, bensì – non casualmente attraverso un fumetto – per inoculare il virus della bontà di quelle idee totalitarie e sanguinarie che il fascismo portava con sé». Prima che la questione arrivasse in Senato, esponenti locali del PD avevano espresso dissenso nelle sedi istituzionali e sui social.

La giunta del sindaco di centro-destra Federico Sboarina non è nuova alle cronache, come già per il controverso Congresso della famiglia di fine marzo e per i saluti romani durante un consiglio comunale.

Leggi anche:
Breve storia delle elezioni politiche di Topolino
Quando la satira è pericolosa (oppure no)

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.