News Una scuola americana ha bandito i fumetti di "The Walking Dead"

Una scuola americana ha bandito i fumetti di “The Walking Dead”

walking dead 30

Il fumetto horror The Walking Dead di Robert Kirkman è stato bandito dalla biblioteca della scuola superiore di Wallace in Idaho a causa di violenza grafica, oscenità e contenuti sessualmente espliciti.

La decisione è stata presa dal sovrintendente scolastico nonostante un consiglio di undici persone formato da studenti, educatori e genitori avesse espresso il volere di mantenere la serie nella biblioteca con sette voti a favore.

Il voto è stato infatti contestato da un gruppo di genitori che ha fatto pressioni nei confronti del sovrintendente, il quale ha successivamente bandito la serie dalla biblioteca della scuola.

I fumetti sono quindi stati rimossi dalla biblioteca con l’accusa di contenere materiale non appropriato per un ambiente scolastico e sono stati donati alla biblioteca pubblica della città. Quest’ultima, tuttavia, fa parte della stessa rete di prestito interbibliotecario che comprende la scuola superiore di Wallace, il che significa che gli studenti potrebbero richiedere e ricevere i fumetti presso la scuola stessa.

Leggi anche:
13 momenti scioccanti di The Walking Dead
Perché la serie tv di The Walking Dead ha così successo
Il creatore di “The Walking Dead” parla del personaggio morto nel fumetto
Kirkman confessa: il più grande errore della serie tv Walking Dead

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.

Seguici sui social

51,774FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,492FollowerSegui

Ultimi articoli

Sara Pichelli sarà ospite di Lucca Comics & Games 2019

La fumettista Sara Pichelli sarà tra gli ospiti della prossima edizione di Lucca Comics & Games in collaborazione con Panini Comics.

Cosa c’è in “Fumo di China” di settembre 2019

"Fumo di china" di settembre 2019 contiene un focus sul fumettista britannico John Bolton presente con un'intervista e un'illustrazione in copertina.

Il primo ministro inglese: «O Brexit o mi arrabbio come Hulk».

In una intervista il primo ministro inglese Boris Johnson ha paragonato se stesso e la Gran Bretagna all'eroe Marvel Hulk.