News Curiosità Una terrificante cosplayer che ricrea scene di manga di Junji Ito

Una terrificante cosplayer che ricrea scene di manga di Junji Ito

Mamakiteru è una cosplayer che ha una passione speciale per i manga horror, soprattutto per Junji Ito. Si dedica infatti a ricreare scene e vignette dei terrificanti fumetti del maestro dell’horror giapponese con esiti davvero impressionanti (e paurosi).

Adesso che i fumetti di Junji Ito – Uzumaki, Tomie, Dissolving Classroom, Il libro delle maledizioni di Soichi, solo per citarne alcuni – sono assai popolari anche per il pubblico italiano dei lettori di manga (QUI c’è un’utile guida ai libri usciti finora), non resta che lasciarsi terrorizzare dagli scatti di Mamakiteru, cercando di indovinare a quale delle tante serie e storie brevi di Ito sono ispirati

Eccone alcuni esempi.

cosplayer Junji Ito
cosplayer Junji Ito
cosplayer Junji Ito
cosplayer Junji Ito
cosplayer Junji Ito

Leggi anche:
Il teaser dell’anime tratto dal manga “Uzumaki” di Junji Ito
• In una spirale di terrore. Intervista a Junji Ito
• 
Junji Ito, la (ri)scoperta del maestro del manga horror
• “Uzumaki”, la perversa e spaventosa spirale di Junji Ito
• 
“Lovesick Dead”, gli orrori urbani di Junji Ito

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.

Seguici sui social

53,244FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,944FollowerSegui

Ultimi articoli

strange academy fumetto marvel

“Strange Academy”, il nuovo fumetto Marvel di Skottie Young e Humberto Ramos

A partire da marzo, Marvel Comics pubblicherà la nuova serie "Strange Academy", spin-off del Doctor Strange in stile Harry Potter.

Un po’ di pagine dalla nuova serie di Spider-Man 2099

Marvel Comics ha presentato le copertine e alcune tavole in anteprima dal primo numero della nuova serie dedicata a Spider-Man 2099.
preference systeme ugo bienvenu

Il fumetto vincitore del Premio della Critica francese ACBD

L'edizione 2020 del premio della critica ACBD, tra i più importanti riconoscimenti francesi per il fumetto, è stato assegnato a Ugo Bienvenu.