Focus Politici e vip che hanno citato Topolino come esempio di ignoranza

Politici e vip che hanno citato Topolino come esempio di ignoranza

Topolino vip politici

L’estate 2019 è stata caratterizzata da una tendenza alquanto curiosa. Negli ultimi mesi si sono infatti affastellati i casi di personalità di spicco – politici e altri vip – che hanno tirato in ballo i fumetti, e più specificatamente Topolino e i fumetti Disney, come paragone infamante o segno di scarsa preparazione culturale.

Già lo scorso lo scorso marzo, diversi nomi avevano disseminato il discorso politico di riferimenti poco lusinghieri nei confronti di Topolino e del fumetto disneyano. Carlo Calenda su Twitter aveva domandato a Maurizio Gasparri quanti libri avesse letto Matteo Salvini, chiedendo «Includi Topolino?»; poco dopo, Massimo Cacciari a Carta Bianca, il talk show condotto da Bianca Berlinguer, aveva dichiarato che «se la gente avesse letto qualche libro in più oltre a Topolino, capirebbe molte cose».

Lo stesso Salvini, a proposito delle critiche alla flat tax, aveva risposto che «i numeri dei giornali hanno l’attendibilità di Topolino», mentre Nicola Zingaretti aveva apostrofato l’idea dell’ex ministro dell’interno come «una bufala da Paperon de’ Paperoni». Zingaretti aveva evidentemente in testa la versione di Paperone letta da giovane, quando il papero miliardario non andava tanto per il sottile se si trattava di fare affari. In più occasioni Salvini ha citato la rivista con tono denigratorio: «Preferisco Topolino all’Espresso», oppure «Non pensavo che ci sarebbero stati dei parlamentari renziani che invece di andare alle elezioni avrebbero votato il governo di Pippo e Topolino».

In queste ultime settimane, però, anche personalità che hanno avuto a che fare con Topolino, venendo intervistate o comparendo in copertina, si sono lasciate andare a queste cadute di stile. Recentemente, Alex Zanardi su Twitter ha commentato un video in cui Donald Trump definiva la Bibbia il suo libro preferito scrivendo «Ma non faceva prima a dire che legge solo Topolino?».

Alex Bertani, direttore del settiminale, ha detto a Repubblica che queste uscite sono prive di intenti denigratori, come fossero un retaggio di vecchie concezioni che si fatica ad abbandonare. «Dispiace un po’ che persone competenti e preparate parlino con tanta leggerezza di uno strumento come Topolino, un giornale che è stato capace, nei suoi ormai 70 anni di vita editoriale, di iniziare alla lettura generazioni di lettori, stimolandone la crescita personale e contribuendo spesso alla formazione di un loro forte senso critico.»

In alcuni casi, autori di Topolino come Roberto Gagnor e Francesco Artibani hanno iniziato a rispondere ai diretti interessati, nel tentativo di combattere il luogo comune e lo stereotipo che dipinge i fumetti Disney (e, a volte, i fumetti in generali) come letture per bambini di poco conto, prodotti effimeri e privi di un qualche valore. L’insistente richiamo ad abbandonare questa pigrizia mentale ha dato i suoi frutti: Gagnor è perfino riuscito a far cancellare un tweet a Salvini con una sua risposta, che ha poi argomentato in un pezzo per Il Post. Tuttavia, lo stigma è difficile da cancellare.

L’ultimo in ordine di tempo è stato l’attore Toni Servillo, che durante la Mostra del cinema di Venezia, dove si presenta 5 è il numero perfetto, tratto dall’omonimo fumetto di Igort, ha dichiarato: «Graphic novel, un genere che si affranca dalla riduttività del fumetto e va verso un’ambizione ormai conclamata di vera e propria letteratura. […] Sia detto con il massimo rispetto, nessuno di noi ha pensato di fare Paperino e Topolino al cinema». L’affermazione ha scatenato la comunità fumettistica, che sui social ha iniziato a entrare nel merito profondo del significato di fumetto, della sua natura artistica e della sua definizione, con toni più o meno accalorati, spingendo l’attore a fare chiarezza sulle sue parole.

«Un settimanale che ha avviato alla lettura almeno tre generazioni di italiani diventa oggi un esempio negativo da citare con disprezzo» ha sottolineato Artibani su Facebook. «Se affermassi che i politici sono tutti ladri, i giornalisti dei pennivendoli e i filosofi dei gran chiacchieroni pieni di idee fumose e incomprensibili direi delle banalità offensive. È per questo che è ora di pretendere rispetto per questo lavoro.»

È un atteggiamento non nuovo. Nel 2015, il giornalista Ivan Zazzaroni, a proposito della violenza negli stadi, disse: «Chi porta la bomba carta l’ultimo giornale che ha letto era Topolino, 30 anni fa». Quando Tito Faraci, anch’egli autore Disney, gli fece notare la gaffe, il commentatore si esibì in una risposta scomposta, in seguito cancellata: «Dici: “L’ultimo giornale letto dai violenti da stadio è Topolino 30 anni fa…” e spunta il coglione che ti accusa di vilipendio topoliniano».

L’anno prima, anche Andrea Scanzi, criticando la proposta di legge elettorale di Matteo Renzi, scrisse: «azzerare il Senato per tramutarlo in un melting pot di consiglieri regionali è una castroneria letta forse su Topolino (una delle letture fondanti di Renzi, insieme ai testi dei Righeira)». E, per gli appassionati, resta famoso l’intervento di Gipi durante un’ospitata a Pane quotidiano di Concita De Gregorio, in cui il fumettista pisano tentò di arginare uno stigma particolarmente coriaceo.

All’epoca, Andrea Tosti commentò su queste pagine affermando che «non capire Topolino, così come non capire molte altre storiche pubblicazioni che hanno fattivamente partecipato alla costruzione dell’identità culturale del nostro paese, e che hanno contribuito ad alfabetizzarlo o ad informarlo, anche su tematiche “difficili” e “scomode”, senza pedanteria, sempre nel nome dell’intrattenimento, evitando, quando possibile, eccessive semplificazioni infantilistiche, significa non capire la pancia – quella buona – dell’Italia».

Leggi anche:
Toni Servillo replica alla polemica dopo le sue parole sulla “riduttività del fumetto”
Il Governo come i personaggi Disney sulla copertina de “L’Espresso”
Quando Topolino vendeva 1 milione di copie

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.

Seguici sui social

52,771FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,826FollowerSegui

Ultimi articoli

watchmen angela

Cosa vi siete persi del quarto episodio di Watchmen

Riassunto, annotazioni, riferimenti, influenze e particolari dell'episodio 4 della serie tv Watchmen di HBO, ispirata al fumetto di DC Comics.
la gameti david genchi hollow press

“La Gameti” di David Genchi, una grottesca quotidianità [NSFW]

"La Gameti", edito da Hollow Press, è il nuovo libro di David Genchi ("Lo Fallo Perduto"), una storia d'amore rivista tramite il filtro del grottesco.
wonder woman dead earth

Il fumetto di Wonder Woman scritto e disegnato da Daniel Warren Johnson

Il fumettista statunitense Daniel Warren Johnson sarà l'autore di una storia di Wonder Woman per la linea Black Label di DC Comics.