News Anteprime "Ho ucciso Adolf Hitler", il ritorno in Italia di Jason

“Ho ucciso Adolf Hitler”, il ritorno in Italia di Jason

Presentiamo in anteprima le prime pagine da Ho ucciso Adolf Hitler e altre storie d’amore, di Jason.

Jason ho ucciso Adolf Hitler

Ho ucciso Adolf Hitler e altre storie d’amore – brossurato, 156 pagine a colori, 18,00 euro – è pubblicato da 001 Edizioni. Sarà presentato in anteprima a Lucca Comics & Gaems 2019 e distribuito in fumetteria e libreria dal 31 ottobre 2019, ma si può già ordinare online.

Jason, nome d’arte del norvegese John Arne Sæterøy, è un pluripremiato fumettista noto per i suoi lavori quasi muti e con protagonisti animali antropomorfi. È attivo da circa trent’anni, edito anche negli Stati Uniti per Fantagraphics Books, la casa editrice tra gli altri di Daniel Clowes e Robert Crumb. È stato pubblicato per la prima volta in Italia da Black Velvet nei primi anni 2000 con le storie Ehi aspetta…, Sshhhhh! e Non puoi arrivarci da qui. 001 Edizioni è il primo editore a tradurlo da allora.

Di seguito la sinossi dal comunicato dell’editore e le pagine in anteprima da Perché lo fai, il primo racconto contenuto nel libro:

Alex è in fuga, accusato di un omicidio che non ha commesso. Sulla sua strada trova Geraldine e la possibilità di una nuova vita, ma a quale prezzo potrà dimostrare la propria innocenza? Sven è segretamente innamorato della sua amica Audrey e passa le notti a rubare gioielli travestito da lupo mannaro. Ma cosa accadrà ora che i veri licantropi si sono accorti di lui? E il killer spedito indietro nel tempo per uccidere Hitler, riuscirà a cambiare il mondo o almeno la propria vita? E che ne sarà del suo tormentato amore? Tre avventure, tre concentrati di raffinato umorismo, tre struggenti storie d’amore: questo libro raccoglie alcuni dei vertici di Jason, autore che nell’evoluzione del graphic novel rappresenta uno spartiacque e un punto di riferimento imprescindibile.

Il noir alla Hitchcock di Perché lo fai?, la commedia in stile Colazione da Tiffany ma virata al thriller de I lupi mannari di Montpellier, e infine la fantascienza paradossale di Ho ucciso Adolf Hitler, dove alla cupezza esistenziale corrisponde un sicuro gusto del comico. Mentre si diverte a impastare i generi, Jason scende nelle profondità dell’animo con la leggerezza di una piuma e assorbe ogni riferimento, influenza o citazione in una sintesi grafica che non ha eguali nel fumetto moderno. Vincitore dell’Eisner Award 2008.

Jason ho ucciso Adolf Hitler
Jason ho ucciso Adolf Hitler
Jason ho ucciso Adolf Hitler
Jason ho ucciso Adolf Hitler
Jason ho ucciso Adolf Hitler
Jason ho ucciso Adolf Hitler

Leggi anche: Jason: un’ipotesi sull’uso dei generi nel fumetto di oggi

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.

Seguici sui social

52,961FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,884FollowerSegui

Ultimi articoli

fumo di china 292

Cosa c’è in “Fumo di China” di novembre 2019

Cosa contiene il numero 292 della rivista di critica e approfondimento sul fumetto Fumo di China in edicola questo novembre.
angouleme

Angoulême 2020: tutte le nomination (inclusi 2 autori italiani)

Sono state comunicate le nomination della 47ª edizione del Festival International de la Bande Dessinée di Angoulême,...

15 anni di Canicola Edizioni

Un’idea di fumetto, un progetto culturale, l'editore Canicola compie 15 anni e con questa intervista ripercorriamo la loro storia.