Focus Interviste Bruce Sterling: «Gaiman e Ellis hanno stimolato la mia creatività»

Bruce Sterling: «Gaiman e Ellis hanno stimolato la mia creatività»

bruce sterling lucca comics 2019

Bruce Sterling, uno dei padri del cyberpunk, autore dei romanzi Oceano e La matrice spezzata e della seminale antologia Mirrorshades, è ospite di Lucca Comics & Games 2019. Durante la conferenza stampa, lo scrittore ha parlato anche del suo rapporto con i fumetti. Un argomento sul quale lo scrittore si esprime raramente, ma che gli ha dato occasione di mostrare un autentico interesse e passione.

«Non ho mai scritto fumetti, ma conosco molte persone che lo fanno, e i due con cui sono più intimo sono Warren Ellis e Neil Gaiman» ha affermato Sterling. «La cosa che mi interessa di loro è che sono costantemente creativi e hanno un interesse continuo per altre forme di media oltre al fumetto. Lavorano entrambi in televisione e cinema, ma fanno anche cose strane ed esperimenti con i social media.»

Lo scrittore ha poi continuato raccontando un singolare aneddoto: «Warren Ellis è stato colui che mi ha convinto a mettere le mie foto su Internet, su Flickr, tanti anni fa, e senza Warren dubito che avrei mai compiuto quel passo, ma ora grazie a lui ho un archivio di 30.000 foto».

Per quanto riguarda invece Gaiman, da lui conosciuto circa 25 anni fa, per Bruce Sterling è interessante «come abbia lavorato metodicamente per diventare uno showrunner per Netflix e la televisione: è stato come vedere un attore che diventa un regista. Anche se non sono un fumettista, mi considero in debito verso entrambi, per come sono riusciti a diversificare le loro emanazioni creative e a stimolare la mia, di creatività».

«Leggo regolarmente la newsletter di Ellis, che ha anche scritto la prefazione del mio ultimo libro, e la raccomando perché mi informa su notizie che non scoprirei altrove» ha poi chiosato Sterling. «Essere nell’orbita di Warren Ellis è una cosa davvero utile, e conosco molti colleghi che lo seguono seriamente.»

Parlando del tema del festival – Becoming Human – lo scrittore ha invece spiegato che «noi del cyberpunk trattiamo il post-umano da 40 anni e intanto la tecnologia è progredita. Tradizionalmente ci sono la nanotecnologia, l’intelligenza artificiale, la robotica che può essere implementata nel corpo umano e poi le implementazioni biologiche. La paura della nanotecnologia ora è un retaggio del passato, mentre l’intelligenza artificiale è solo deep learning e cose così, ci sono tutte queste idee molto vicine a noi».

Secondo Bruce Sterling, la sfida maggiore della fantascienza contemporanea che affronta i temi del transumanesimo e del post-umano è quindi immaginare un futuro che non sembri già presente. Lo definisce “il problema Walmart”, in riferimento alla catena americana di supermercati in cui sono presenti corsie infinite di tecnologia e oggetti di ogni genere, incluso quelli che integrano intelligenze artificiali (tranne Alexa che è di Amazon, e Walmart e Amazon si odiano). Per noi scrittori di fantascienza il problema è che è difficile immaginare dispositivi che non siano già in vendita da Walmart, ormai.

«Il device di Amazon», ha affermato l’autore, «ha settemila funzioni realizzate da programmatori che hanno letto molta fantascienza e vogliono far comportare l’intelligenza artificiale in un certo modo, ma la gente lo usa soltanto come una sveglia parlante». Interessato alla domotica e all’Internet of Things, Sterling ha anche un tumblr dedicato a questi argomenti, che è il suo modo di affrontare il problema Walmart. «Forse potrei chiedere a Warren un consiglio.»

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.

Seguici sui social

53,878FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,172FollowerSegui

Ultimi articoli

Il trailer della serie “Ghost in The Shell: SAC_2045” di Netflix

Netflix ha diffuso il trailer di Ghost in The Shell: SAC_2045, la nuova serie animata basata sul manga Ghost in the Shell di Masamune Shirow.
raymond pettibon

Raymond Pettibon, tra arte e fumetto

Dalle fanzine punk alle pareti del MoMA, come Raymond Pettibon ha conquistato l'arte contemporanea passando attraverso il fumetto.

“Diario di Hanako”, la tragedia dell’Olocausto e il sogno di una riconciliazione

"Diario di Hanako" di Machiko Kyō è ambientato in un passato alternativo dove forze estremiste replicano l'Olocausto nei confronti dei giapponesi.