Focus Liste I 10 migliori graphic novel stranieri del 2019

I 10 migliori graphic novel stranieri del 2019

Dopo i migliori classici, le migliori serie e i migliori graphic novel italiani, chiudiamo la nostra rassegna del meglio del 2019 allargando lo sguardo al di fuori dei nostri confini, con quelli che a nostro giudizio sono stati i migliori graphic novel di produzione straniera pubblicati in Italia nel corso dell’anno. Ed è una lista che spazia per il mondo forse più degli anni scorsi, proponendo opere dai panorami più produttivi del fumetto (Stati Uniti, Francia e Giappone) ma pescando anche da altre realtà magari poco frequentate dai lettori.

Nella selezione di questo 2019 trovano posto in modo predominante biografia e autobiografia, format consueti del graphic novel, ma che sono più del solito colorati dalla finzione, in un dialogo ibrido in grado di affascinare per le mescolanza di generi. La Storia e la fantascienza, il noir e l’infanzia, i conflitti bellici e l’arte, tutto si mescola, rendendo sempre più sfumato il confine tra i fatti e la creatività dei fumettisti.

Leggi anche: I 10 migliori graphic novel italiani del 2019
Leggi anche: Le 10 migliori serie a fumetti del 2019
Leggi anche: I 10 migliori fumetti classici del 2019

***

Il diario della mia scomparsa, di Hideo Azuma (J-Pop)

il diario della mia scomparsa hideo azuma jpop migliori graphic novel stranieri 2019

Hideo Azuma si è fatto un nome nel manga come autore di commedie per bambini di grande successo quali Pollon e Nanako SOS, note dalle nostre parti soprattutto per le loro trasposizioni animate (con i titoli rispettivamente di C’era una volta… Pollon Nanà Supergirl). In realtà in Giappone Azuma ha fatto un po’ di tutto, dalla fantascienza alla parodie gekiga, ed è stato anche uno dei più apprezzati illustratori di lolicon (giovani ragazze in atteggiamenti maliziosi), diventando una figura di riferimento nella scena otaku. Sulla fine degli anni Ottanta, però, tutto cambia: dopo il boom, arriva il crollo.

Il diario della mia scomparsa racconta il tracollo psicologico di Azuma che, sottoposto allo stress lavorativo, all’insoddisfazione e alla depressione, scappa di casa e molla tutto. Ma proprio tutto: vivrà per mesi come un barbone, dormendo all’addiaccio e nutrendosi di avanzi e resti trovati in bidoni della spazzatura. Riportato a casa, fuggirà di nuovo. E poi finirà per peggiorare la propria situazione, tentando il suicidio e diventando un alcolizzato, al punto da venire condotto a forza in una clinica per disintossicarsi dalla dipendenza da alcol.

Il manga di Azuma è dunque un fumetto autobiografico che racconta questa incredibile discesa agli inferi – esistenziali – di un grande autore affermato. E lo fa coniugando con estrema efficacia (auto)ironia e momenti dalla tragicità unica. Con lo stesso segno dolce, rotondeggiante e caricaturale che lo aveva contraddistinto nei suoi manga comici come in quelli sexy o sci-fi, Azuma riesce a offrire uno dei più potenti, per quanto straniante, fumetti-verità dei nostri tempi.

Qui un approfondimento sul fumetto.

Seguici sui social

54,208FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,305FollowerSegui

Ultimi articoli

topolino migliori fumetti

Sunday Page: Alessandro Bilotta sul Topolino di Floyd Gottfredson

Per la rubrica Sunday Page, questa settimana ospitiamo lo scrittore Alessandro Bilotta, che discute una tavola dal Topolino di Floyd Gottfredson.

Come nasce una illustrazione di “Blacksad”

Blacksad è una serie spagnola di stampo noir con protagonisti animali antropomorfi, creata da Juan Díaz Canales e Juanjo Guarnido.
love is war manga

Aka Akasaka ospite a Comicon 2020

Il fumettista giapponese Aka Akasaka, autore del manga Kaguya-sama – Love Is War, sarà ospite a Comicon 2020, il salone del fumetto di Napoli.