Migliori Fumetti 2019 – International: Indonesia

Per tutto il mese di marzo, Fumettologica pubblicherà ogni giorno una speciale rassegna sul meglio del fumetto mondiale nel 2019. Si tratta della traduzione, con qualche contributo inedito, del ‘best of’ che il britannico Paul Gravett – il più importante critico di fumetti europeo, definito da Neil Gaiman “The man at the crossroads” – pubblica ogni anno sul proprio sito.

La selezione è un’autentica bussola sulle novità e le tendenze soprattutto nell’ambito del graphic novel (ma non solo), è seguita da molti professionisti dell’editoria di fumetto, ed è realizzata grazie alla collaborazione di una vasta rete di corrispondenti stranieri (per l’Italia, il nostro direttore Matteo Stefanelli). Soprattutto, si tratta di una playlist utile per scoprire quali sono le opere più interessanti pubblicate in Paesi che vanno al di là dei tre mercati principali del fumetto globale – Giappone, Stati Uniti, Francia – e che quest’anno sono 15, dall’Argentina alla Corea del Sud a Singapore.

***

Indonesia

La scena fumettistica indonesiana versa in uno stato ambiguo sin dalla rivoluzione politica del 1998 (che chiamiamo sempre “Riforma”, ma di fatto è stata una rivoluzione). Da una parte, il fumetto indonesiano non fa che promettere la rinascita di quella che un tempo era una grande cultura e industria fumettistica. L’emergere di gruppi di nuovi interessanti giovani autori abili nel disegno e nella colorazione, l’entusiasmo di una nuova generazione di lettori nata dai social e dagli eventi dedicati al fumetto, le vivaci sperimentazioni che si sono viste nel medium negli anni Novanta e nei Duemila. Questi sono i segni che fanno ben sperare per una rinascita imminente del fumetto indonesiano.

Dall’altra parte, la promessa di rinascita sembra essere bloccata in una terra promessa. La mancanza di opere artisticamente ambiziose tra i graphic novel pubblicati in Indonesia negli ultimi cinque anni circa è piuttosto preoccupante, secondo me. Ovviamente, ci sono anche alcune eccezioni. Ma in gran parte, la scena del fumetto sembra più occupata con l’ambizione di creare una versione indonesiana dell’Universo Marvel. Invece, i lavori più audaci ed esuberanti rimangono nascosti tra i meandri oscuri della scena delle fanzine, nel movimento indie e delle autoproduzioni, nelle gallerie e nei collettivi artistici, e tra i social. In questo contesto, ecco il mio ‘Best of’ dei fumetti indonesiani usciti nel 2019.

Gugug! #2‘emte’ / Mohammad Taufi (editore: Gramedia Pusraka Utama)

migliori fumetti indonesia 2019

Il miglior fumetto del 2018 per me è stato Gugug! E nel 2019, Emte ha pubblicato il seguito delle avventure del suo buffo cagnolino, che solo grazie alla copertina sappiamo che si chiama Gugug. Le sue 111 pagine di fumetto muto sono piene di ottimi disegni e brillanti rappresentazioni delle strade affollate di Jakarta. Uno splendido character design, un segno deciso, e una narrazione scorrevole rendono queste matte avventure una lettura davvero divertente e coinvolgente. Inoltre, fa piacere vedere un fumetto come questo pubblicato dal più grande editore del Paese.

Siapa Layak Mati(?) [Chi merita di morire(?)], Muhammad Iqbal

Iqbal ha già realizzato in passato dei fumetti sperimentali caratterizzati da un giocoso uso del medium e un tono profondamente riflessivo che tradisce la sua giovane età. È evidente come Iqbal, che si è appena laureto, sia davvero ben immerso nella cultura globale contemporanea, dal mondo dei manga al sufismo di Rumi e oltre.

Tra tutto questo, i suoi fumetti affrontano questioni come l’obesità e il body-shaming, le malattie mentali, la dipendenza da manga, il fondamentalismo islamico nella vita di tutti i giorni, e la questione della morte nelle canzoni popolari e nei testi popolari giavanesi.

In questo fumetto breve pubblicato sul suo account Instagram iqbalmstrmnd, l’autore riflette sull’idea che la nostra società o comunità ha di chi meriti di morire. È affascinante (o forse deludente, per alcuni) come l’ultima pagina si trasformi in una personale lettera d’amore. Ma l’intero fumetto è un audace affermazione/domanda sul valore della vita in questo nostro mondo complicato.

Badai dan Asmara di Teluk Tiram [Tempesta d’amore nella Baia di Tiram], Teguh Santosa (editore: Tjergam Klasik Indonesia)

Questo graphic novel storico è stato pubblicato per la prima volta nel 1968. Durante un breve periodo tra il 1967 e il 1969, Teguh Santosa realizzò una serie di libri a fumetti autoconclusivi sul tema dei pirati e del colonialismo. Quest’opera racconta la storia della mortale rivalità tra due complessi personaggi, Timor e Tigor, che si contendono il dominio sui pirati di Nusantara ma anche l’amore di Nesia. La storia è ambientata durante l’attacco dell’armata britannica guidato da Lord Minto contro gli olandesi in Batavia nel 1811. Timor sfruttò questo attacco per i suoi fini.

Questa edizione “rimasterizzata” risalta il meraviglioso segno e lo splendido chiaroscuro di Teguh Santosa. Da segnalare, sempre in questa collana: la nuova edizione di Sandhora di Teguh Santosa, spesso considerato uno dei migliori fumetti indonesiani, e quella del capolavoro di Ganes TH, Taufan.

Keluarga Lalala [“La famiglia Lalala”], Sheila Rooswitha Putri (editore: Koloni)

migliori fumetti indonesia 2019 keluarga lalala

Una spensierata cronaca quotidiana della vita di Sheila (“Lala” per i suoi amici) e dei suoi due figli: Ara (il primogenito) e Djani (la figlia). Questa antologia, composta perlopiù di racconti a pagina singola pubblicati online sulla pagina Facebook dell’autrice, non solo racconta la crescita dei suoi due bambini, ma documenta l’iniziale evoluzione artistica di Sheila.

Il suo fluido storytelling che cattura alla perfezione la fantasia dei suoi due figli, e l’abilità dell’autrice di cogliere i movimenti con un segno efficace mutuato dal manga e dal fumetto europeo rendono questa raccolta una lettura assai piacevole. Attenzione: livello altissimo di carineria!

Karimata 1890, Toni Masdiono (editore: Creativ Media)

Toni Masdiono è un navigato illustratore e fumettista indonesiano. Ha esercitato una grande influenza sui fumettisti indonesiani del post Riforma del 1998 con il suo libro 14 Jurus Membuat Komik (“14 modi di fare fumetti”). In molte occasioni, Toni ha espresso il suo disprezzo per l’approccio troppo verboso dei fumetti di un tempo, ammirando inoltre il grande controllo di luce e ombra nel lavoro di Teguh Santosa. Credo che queste due posizioni siano ben evidenti nel suo lavoro.

Karimata 1890 è un’opera di amore per Toni: un fumetto muto di action-romance in ambientazione storica con dei pirati come protagonisti. I disegni sono ottimi, ma non ce la faccio a non vedere questo fumetto come una storia fondamentalmente “non muta”. Probabilmente perché ho sempre identificato i fumetti muti con storie riflessive, mentre questo lavoro è più simile ai fumetti d’azione americani. Comunque, resta un esperimento assai interessante all’interno del fumetto contemporaneo indonesiano.

Gundala & Friends: Audisi Jagoan [Gundala & amici: audizione per eroi], storia: Oyas Sujiwo & Wahyu Hidayat – disegni: Diyan Bijac & Erfan Faja (editore: Bumi Langit + M & C!)

migliori fumetti indonesia 2019 gundala friends

Dopo il successo dell’anno scorso di Gundala The Movie diretto da uno dei migliori registi di horror indonesiani, Joko Anwar, la generazione più giovane ha scoperto questo personaggio classico creato da Hasmi nel 1969. Il team creativo di Bumi Langit a quanto pare voleva presentare meglio questo personaggio e il suo gruppo di comprimari indonesiani con questo libro a fumetti interattivo per bambini. E un modo divertente per conoscere personaggi classici come Sri Asih (il primo supereroe indonesiano – ed è una donna! – creato da R.A. Kosasih nel 1954), Godam (creato da Wid NS), Aquanus e Merpati, con un cameo di Kapten Nusantara.

***

Questa selezione dei migliori fumetti 2019 pubblicati in Indonesia è firmata dal critico Hikmat Darmawan. È stata pubblicata sul sito www.paulgravett.com, e la traduciamo qui con il permesso degli interessati.

Hikmat Darmawan è un critico e curatore specializzato in cultura pop. Attualmente, è a capo del dipartimento di cinema del Jakarta Art Council e direttore artistico del Pabrikultur. Il suo libro, Sebulan di Negeri Manga (“Un mese nel paese dei manga”) è stato pubblicato da Gramedia publishing. Di recente, ha co-curato oltre 1600 pagine in lingua indonesiana sul film intitolato Tilas Kritik (“Percorso critico”). È stato inoltre il consulente indonesiano per la mostra Mangasia: Wonderlands of Asian Comics.

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui.