Formose e dominatrici: le donne di Namio Harukawa [NSFW]

ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE IMMAGINI SESSULAMENTE ESPLICITE

Namio Harukawa era uno dei più apprezzati illustratori erotici giapponesi, noto per essere dedito a rappresentare donne formose in atteggiamento da dominatrici nei confronti di uomini piccoli e sottomessi.

Harukawa – nato nel 1947 e morto nel 2020 – aveva avviato la propria carriera negli anni Sessanta collaborando con riviste pulp ed erotiche. Considerato per molto tempo un artista underground, negli anni Duemila ottenne maggiore popolarità, venendo apprezzato anche all’estero.

Gli ambienti rappresentati da Harukawa sono spesso urbani – bar, vagoni di metropolitana, club. Al loro interno si consumano scene sadomaso o bondage, nelle quali la donna è sempre la protagonista principale, con i suoi atteggiamenti e con le sue forme. Sono donne che hanno volti dai lineamenti marcati, quasi occidentali, spesso raffigurati con un chiaroscuro denso e dei neri intensi. Harukawa esaltava – o forse auspicava – una emancipazione della donna nel Giappone moderno, facendo una satira di un maschio schiacciato dalla vita frenetica, ridotto a parodia di se stesso.

Harukawa era paragonabile per popolarità a un altro maestro dell’erotismo illustrato giapponese, Toshio Saeki, ma molto lontano da lui nello stile e nelle tematiche, dal momento che Saeki guardava alla tradizione delle stampe giapponesi per il segno e al folklore per i soggetti. La sua ossessione per i fondoschiena formosi e per gli atteggiamenti di sottomissione maschile lo rendono avvicinabile al fumettista americano Robert Crumb.

Ecco di seguito una selezione di lavori di Namio Harukawa.

namio harukawa
namio harukawa
namio harukawa
namio harukawa
namio harukawa
namio harukawa
namio harukawa

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.