Marvel ha messo in congedo metà dello staff editoriale

marvel comics congedo staff

È dal 23 marzo scorso che, a causa dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus, negli Stati Uniti la distribuzione di comic-book è stata in larga parte sospesa, anche per la pausa forzata di Diamond, il principale distributore di fumetti americano. La situazione ha portato a una crisi che ha colpito l’intera filiera, dalle case editrici alle fumetterie.

In particolare, Marvel Comics non sta pubblicando fumetti da cinque settimane consecutive. Il risultato si è tradotto in un taglio del personale e in una riduzione del 20% della lavorazione dei titoli previsti per maggio e giugno. Secondo quanto riporta il Guardian, una fonte interna a Marvel ha fatto sapere che l’azienda ha messo in congedo metà del suo staff editoriale, al quale continuerà a pagare un’assicurazione sanitaria.

DC Comics sta affrontando la situazione in modo diverso rispetto a Marvel: ha scelto di pubblicare meno, affidandosi a nuovi distributori, o di pubblicare alcuni titoli direttamente in digitale. Nonostante in passato Marvel abbia distribuito in digitale alcuni suoi titoli prima ancora che su carta, per ora l’azienda ha preferito non optare per questa soluzione.

Leggi anche: La crisi del fumetto USA durante la pandemia

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.