Sunday Page: Aatmaja Pandya su Yotsuba &!

*english text

Ogni settimana su Sunday Page un ospite ci spiega una tavola a cui è particolarmente legato o che lo ha colpito per motivi tecnici, artistici o emotivi. Le conversazioni possono divagare nelle acque aperte del fumetto, ma parte tutto dalla stessa domanda: «Se ora ti chiedessi di indicare una pagina che ami di un fumetto, quale sceglieresti e perché?».

Questa domenica è ospite Aatmaja Pandya, fumettista newyorchese che ha lavorato per una serie di editori che includono Random House Graphic, Gumroad, Dark Horse Comics (Steven Universe Coloring Book), Boom! Publishing (Adventure Time Comics), Lion Forge Comics e Amazon.

Come molti colleghi fumettisti, sono cresciuta leggendo fumetti occidentali come Tintin e Calvin e Hobbes. Ma i primi fumetti che mi hanno fatto prestare attenzione alla narrazione e alla tecnica sono stati i manga.

Ho letto Yotsuba &! [in Italia pubblicato da Star Comics ndr] quando ero più che adolescente, diversi anni dopo aver iniziato a disegnare con intenti professionistici. Gli altri manga che stavo leggendo in quel momento erano molto elaborati, o ambientati in complicati universi fantasy, e i disegni semplici di Yotsubato e l’ambientazione terrena sembravano una buona fonte d’ispirazione. Risparmiavo i miei soldi per il pranzo e li usavo per acquistare ogni nuovo volume tradotto. Ogni volta che ne usciva uno nuovo, rileggevo l’intera serie dall’inizio. Ho continuato a farlo per anni, e anche oggi lo rileggo una volta all’anno.

Ogni volta che lo leggo, sono un po’ più grande e un po’ più brava a disegnare, e mi rendo conto ogni volta di quanto sia incredibile l’estro fumettistico in Yotsuba &!. Apprezzo molto il lavoro ingannevolmente semplice – roba che sembra spensierata o senza sforzo, ma se la smonti diventa chiaro quanto curato sia il lavoro. Per me, Yotsuba &! è l’esempio perfetto di questo trucco.

Il ritmo del fumetto è delicato e facile da comprendere. Gli ambienti sono specifici e ricercati con amore: la città in cui vive Yotsuba è solo un sobborgo mediocre, ma mi trovo sempre a desiderare di poter fare cose banali lì invece che nel mio quartiere. Voglio andare in bicicletta, o andare al negozio di alimentari, o al parco e sedermi sull’altalena come lei.

Il design del personaggio è appropriato per l’ambiente: famiglie senza pretese, dall’aspetto piacevole, e persone anziane. Tuttavia, Kiyohiko Azuma, l’autore, è eccezionalmente bravo a usare l’abbigliamento per dare personalità ai protagonisti. Yotsuba, suo padre, gli amici di suo padre e ciascuno dei suoi vicini hanno un senso della moda così distinto che potresti scegliere i vestiti per loro nella vita reale.

Le storie rilassate, con poste in gioco basse e molto cuore, sono il mio tipo di avventure preferite. Una volta mi preoccupavo del “gusto noioso”, ma negli ultimi anni ho trovato un pubblico enorme tra i colleghi che rispetto e ho scelto di non vergognarmene. Ovviamente leggo e amo altri tipi di lavoro, e non mi piace leggere troppo della stessa cosa, ma i fumetti come Yotsuba &! mi confortano molto. Torno da loro ogni volta che ho bisogno di qualcosa di incoraggiante da leggere.

A parte questo, la più grande forza di Yotsuba &! è il suo senso dell’umorismo. Ricordo distintamente di averne letto un capitolo in una rivista prima di iniziare a collezionare i libri e di aver riso ad alta voce. Non avevo mai avuto quell’esperienza con un fumetto prima. Non avevo mai visto usare solo una faccia buffa o una posa come punchline o del sarcasmo eseguito in modo credibile.

Questa pagina che ho scelto contiene una delle mie battute preferite della serie. La ricordo ancora dopo anni e anni. È rozza, ma non è per questo che è divertente. È divertente perché dimenticare il tuo portafoglio e andare in panico è una situazione comprensibile, perché il padre di Yotsuba si accovaccia in modo buffo, perché la telecamera continua ad allontanarsi, a causa di Yotsuba che non capisce, perché i tempi comici del papà sono così perfetti. So come si svolge la situazione, ma sorrido ogni volta che la vedo. Ci sono centinaia di pagine bellissime ed esilaranti in Yotsuba &! che avrei potuto scegliere. Questa è solo una di quelle che ricordo molto bene, e anche oggi so di usare gli stessi trucchi comici di questa pagina nel mio lavoro.

Come e quando hai scoperto questo manga?

Penso di aver visto un’anteprima del fumetto in una rivista che ho preso in prestito da un amico, e dopo che erano usciti alcuni volumi l’ho visto in libreria e mi sono ricordata che mi piaceva quello che avevo letto. Devo aver avuto 13 o 14 anni.

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Facebook e Twitter.