È morto Jiro Kuwata, autore di “Bat-Manga”

jiro kuwata bat-manga morto

All’età di 85 anni, il 2 luglio è morto Jiro Kuwata, noto per essere stato, a fine anni Sessanta, l’autore del manga su Batman pubblicato in Giappone da Shōnen Gahōsha in seguito al successo della serie televisiva con Adam West.

Nato nel 1935 e attivo professionalmente come mangaka già dall’età di 13 anni, Kuwata fu anche il disegnatore di 8 Man, manga sceneggiato da Kazumasa Hirai e pubblicato in Giappone sulla rivisita Weekly Shonen Magazine di Kodansha tra il 1963 e il 1965, su cui fu basata anche una coeva serie animata (seguita da un OAV nel 1993).

Dopo aver lavorato al manga di Gekko Kamen (personaggio noto in Italia come Moon Mask Rider), nel 1966 Kuwata divenne l’autore dell’adattamento della serie televisiva Batman. Il suo lavoro – che sarebbe stato conosciuto nel mondo occidentale come Bat-Manga – fu abbastanza fedele nello spirito (e nel character design dei personaggi), pur raccontando storie del tutto inedite.

Molti anni dopo, questa serie fu riscoperta da David Mazzucchelli (il disegnatore di Batman: Anno uno) durante un suo soggiorno in Giappone. Il disegnatore americano la fece così conoscere al suo amico designer (e anche lui autore di fumetti) Chip Kidd, che, da grande appassionato di Batman, nel 2008 pubblicò in Inghilterra il libro Bat-Manga!: The Secret History of Batman in Japan (Pantheon Books), realizzato con il contributo del collezionista Saul Ferris (che possedeva copie del manga) e del fotografo Geoff Spear, dando alla vicenda dei contorni quasi mitologici.

Nel 2010, esordì invece negli Stati Uniti la serie Batman, Inc. di Grant Morrison, che presentava diverse varianti di Batman (finanziate da Bruce Wayne) al di fuori degli Stati Uniti. Tra queste, c’era anche un Uomo Pipistrello giapponese, mentre tra i personaggi di contorno spiccavano un Lord Death Man (analogo di un personaggio apparso anche nel manga) e tale Jiro Osamu, il cui nome omaggiava proprio Jiro Kuwata, oltre che Osamu Tezuka.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Facebook e Twitter.