I fumetti di Feltrinelli Comics che leggeremo nel 2021

Sulle pagine di Fumettologica, nel corso di un’intervista, il curatore editoriale di Feltrinelli Comics Tito Faraci ha anticipato una serie di titoli che saranno pubblicati nel 2021. Tra questi, ci sono alcuni fumetti di autori che hanno già lavorato per la casa editrice, ma anche nuovi esordi, e la nascita di una collana dedicata alle opere di Milo Manara.

L’intervista si può leggere a questo link, mentre di seguito riportiamo i titoli annunciati con i dettagli finora disponibili:

Clorofilla, di Giulio Mosca (14 gennaio)

Un’auto  esce  di  strada  e  precipita  in  un  dirupo.  Al suo interno una giovane coppia. Durante  la  caduta  è  come  se  il  tempo  si  fermasse e  attraverso  una  serie  di  flashback  ricostruiamo la  loro  vita  e  il  loro  rapporto.  Cosa  li  avrà  portati  a  quell’incidente?  Cosa  avrà  causato  “l’uscita  di strada”  della  loro  relazione?  Si  salveranno?  E,  se  ce la  faranno,  resteranno  insieme?  Le  relazioni,  come le piante, vanno curate o non dureranno a lungo. Una  storia  in  cui  è  facile  riconoscersi  e  riconoscere  chi  ci  circonda.  Un  amore  che  in  molti  possono avere vissuto, eppure unico.

La fabbrica onirica del suono, di Sergio Algozzino (4 febbraio)

La storia di un immaginario gruppo di rock progressive italiano, a cavallo fra gli anni Sessanta e i primi anni ottanta, dai grandi palchi americani alle sagre di paese, fra litigi, battaglie politiche e crollo degli ideali, amicizie nate, spezzate e ritrovate. Il tutto raccontato in un contesto storico che attraversa il ‘68, il terrorismo e i grandi raduni musicali, affollati quanto contestati, sullo sfondo delle trasformazioni (e dei compromessi) della musica popolare e d’autore nel nostro paese.

Caravaggio e la ragazza, di Nadia Terranova e Lelio Bonaccorso (18 febbraio)

Rissoso,  sanguigno,  amante  del  vino  e  delle  donne, dopo  l’accusa  di  omicidio  Michelangelo  Merisi  trascorse  in  Sicilia  un  periodo  inquieto  ma  fecondo, dove  diede  vita  ad  alcune  delle  sue  opere  più  significative.  E  dove  fu  chiamato  al  palazzo  di  un  ricco  commerciante  di  seta  per  realizzare  il  ritratto  di  sua  figlia, la  giovane  Isabella.  Ribelle  e  appassionata  di  pittura, la  ragazza  si  rivelerà  molto  più  che  il  semplice  soggetto  di  un  dipinto  e  sarà  protagonista  di  una  storia, sospesa  tra  realtà  e  immaginazione,  dedicata  all’arte e alla libertà.

Uova di lucertola, di Wallie (18 marzo)

Un paese in cui la vita scorre tranquilla, una scuola come tante e una classe di bambini che, come tutti i bambini, ha fiducia negli adulti, anche quando i gesti si fanno troppo bruschi, quando le voci si alzano fino a spaventare. È facile seminare un segreto nel silenzio e farlo crescere con altro silenzio, finché chi ha vissuto quei giorni non decide di parlare. Attraverso una serie di interviste con gli ex compagni di scuola, Wallie intraprende una coraggiosa, sincera analisi dell’infanzia, del rapporto con i propri genitori e dei segni che hanno lasciato nella sua vita, senza mai perdere il guizzo ironico e lo sguardo lieve che animano le sue storie.

Felliniana, di Milo Manara (aprile)

Lo scimmiotto, di Silverio Pisu e Milo Manara (aprile)

Un nuovo fumetto di Labadessa (data da definire)

Un’antologia di fumetti a cura di Giacomo Bevilaqua (data da definire)

Un nuovo fumetto sceneggiato da Fumettibrutti (data da definire)

Milo Manara, autobiografia (data da definire)

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su InstagramFacebook e Twitter.