La scena dei titoli di coda dell’episodio 5 di “The Falcon and the Winter Soldier”, spiegata

ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER

falcon winter soldier episodio 5 scena titoli di coda

Per la prima volta dall’inizio della serie, il quinto episodio di The Falcon and the Winter Soldier ha presentato una scena nel mezzo dei titoli di coda, come consuetudine di film e serie tv Marvel. In essa, è mostrato John Walker mentre si costruisce da solo uno scudo simile a quello di Capitan America.

Nel corso della puntata, infatti, il personaggio è stato privato del ruolo di Capitan America dal Governo degli Stati Uniti, dopo gli eventi del finale dell’episodio precedente. Subito dopo, John Walker è stato avvicinato da una misteriosa donna presentatasi come Contessa Valetina Allegra de la Fontaine, che si è dichiarata dalla sua parte, invitandolo a collaborare con lei.

La scena finale del quinto episodio farebbe dunque pensare che John Walker possa tornare in scena la prossima settimana con un nuovo costume e un nuovo scudo, in modo simile a quanto accaduto in passato nei fumetti di Marvel Comics.

In storie di fine anni Ottanta sceneggiate da Mark Gruenwald e disegnate da Kieron Dwyer, John Walker fu infatti deposto dal ruolo di Capitan America in seguito alla sua condotta violenta. A quel punto, però, il personaggio fu sottoposto a ricondizionamento cerebrale dallo stesso Governo degli Stati Uniti.

Divenuto così un po’ più docile e – con un costume simile a quello di Capitan America ma nero anziché blu – Walker fu imposto come membro ai riluttanti West Coast Avengers, una squadra degli Avengers che aveva base sulla costa ovest degli Stati Uniti anziché a New York, con il nuovo nome in codice di U.S. Agent, in un ciclo di storie scritto e disegnato da John Byrne. Da lì in poi, Walker divenne un vero e proprio eroe, nonostante i suoi modi parecchio rudi non sempre apprezzati dagli altri supereroi.

us agent falcon winter soldier episodio 5 scena titoli di coda

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.