È morta Joye Hummel, una delle prime scrittrici di Wonder Woman

Joye Hummel Wonder Woman
Joye Hummel al San Diego Comic-Con 2018

Il 5 aprile scorso, all’età di 97 anni e per cause non divulgate, è morta Joye Hummel, che sceneggiò diverse storie di Wonder Woman tra il 1944 to 1947. Hummel è riconosciuta come una delle prime autrici donna a lavorare sul personaggio creato dallo psicologo William Moulton Marston, con il quale iniziò a collaborare all’età di 19 anni.

Spesso negli anni Quaranta gli autori dei fumetti non venivano accreditati e, per quanto riguarda Wonder Woman, le storie erano solitamente firmate da più autori sotto lo pseudonimo Charles Moulton, ovvero il nome d’arte di Marston. Joye Hummel rimase sconosciuta ai lettori fino al 2014, quando la studiosa Jill Lepore la intervistò per il suo libro The Secret History of Wonder Woman chiarendo il suo apporto alle storie del personaggio.

Inizialmente Hummell lavorò per Marston come letterista. Dopo cinque mesi dalla sua assunzione, però, a Marston fu diagnosticata la poliomielite e fu in gran parte impossibilitato seguire il fumetto. Hummell cominciò quindi a sceneggiare diversi fumetti di Wonder Woman, di cui si stima abbia scritto oltre 70 storie.

Secondo diversi storici del fumetto Hummell potrebbe essere stata la prima donna a lavorare su Wonder Woman. Vista la mancanza di attribuzioni ufficiali, però, non se ne ha certezza. Di sicuro è stata una delle prime, assieme a Dorothy Woolfolk, sceneggiatrice morta nel 2000, che lavorò per Marston nello stesso periodo di Hummell.

Nel 1947, in seguito alla morte di Marston, Hummell lasciò Wonder Woman per sposarsi e dedicarsi alla famiglia, ma anche perché era irritata dalla direzione meno femminista in cui l’editore stava portando il personaggio, come dichiarò in seguito.

Nel 2018, dopo la sua riscoperta da parte del pubblico e dell’industria del fumetto, fu invitata al San Diego Comic-Con, dove per il suo lavoro fu premiata con il Bill Finger Award for Excellece in Comic Book Writing, un riconoscimento alla carriera istituito come omaggio a Bill Finger, il co-creatore di Batman.

Leggi anche: La storia segreta di Wonder Woman. Un’intervista a Jill Lepore

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.